EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Le Ferrovie ucraine, un anno dopo dopo la guerra: "Aspettiamo i treni della vittoria"

La stazione ferroviaria di Kiev, un anno dopo.
La stazione ferroviaria di Kiev, un anno dopo. Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Sasha Vakulina da Kiev - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un simbolo per l'Ucraina: dall'inizio della guerra, il 24 febbraio 2022, le Ferrovie ucraine hanno evacuato quattro milioni di persone nell'Ucraina occidentale e oltre mezzo milione all'estero. "Quando erano in stazione, cominciavano a sentirsi al sicuro", ricorda il numero 1 delle Ferrovie ucraine

PUBBLICITÀ

KIEV (UCRAINA) - Quando gli ucraini si sono svegliati al suono delle esplosioni dell'invasione russa, milioni di loro si sono precipitati alle stazioni ferroviarie.

Non c'erano biglietti per la salvezza, ma c'erano treni che portavano più a ovest, lontano dalla guerra.

Dall'inizio della guerra, il 24 febbraio 2022, le Ferrovie ucraine hanno evacuato quattro milioni di persone nell'Ucraina occidentale e oltre mezzo milione all'estero. 

L'orario dei treni doveva essere cambiato ogni giorno, a seconda di dove i civili avevano più bisogno di essere evacuati.

In fuga dalla guerra

Salendo sul treno, le persone non sapevano dove stavano andando. Sapevano, però, da dove e da cosa stavano fuggendo.

Euronews
Febbraio 2022.Euronews

Dall'interno della stazione di Kiev, l'Amministratore Delegato delle Ferrovie ucraine, Oleksandr Kamyshin, racconta quei giorni.  

"Quei giorni sono stati un incubo. Ma abbiamo dato ai nostri cittadini, alla nostra gente, la sensazione che sarebbe bastato loro arrivare alla stazione per essere al sicuro.
Erano al sicuro!
Potevano ricevere pronto soccorso, assistenza medica, aiuto psicologico, cibo, tè caldo e potevano essere evacuati fino alla fine della giornata. Lentamente, scomodamente, ma fatti evacuare in un posto più sicuro".
Oleksandr Kamyshin
Amministratore Delegato Ferrovie ucraine

"Non eravamo pronti a questo tipo di guerra"

"Come molte persone, come molte aziende, come molte istituzioni in Ucraina, anche noi ci stavamo preparando per la guerra. Ma non eravamo pronti per un simile tipo di guerra: invasione su vasta scala con bombardamenti e attacchi aerei sulle città. Quindi, non vogliamo mai più farci trovare impreparato a qualcosa. Ecco perché dall'estate siamo pronti a tutto. Siamo in un ambiente diverso. Ci stiamo preparando per qualsiasi scenario che potrebbe accadere".

Euronews
Fuga dalla guerra.Euronews

- Sasha Vakulina, giornalista di Euronews: 
"In che tempi le Ferrovie ucraine hanno iniziato ad operare nei territori occupati dell'Ucraina?"

Risponde Oleksandr Kamyshin, Amministratore Delegato delle Ferrovie ucraine: 
"A Kherson ci abbiamo messo una settimana. Io e il mio team eravamo lì il secondo giorno dopo l'invasione, poi ancora il quarto giorno e il resto della settimana. In una settimana abbiamo fatto partire il primo treno. È stato complicato perché abbiamo dovuto riparare le infrastrutture ed effettuare lo sminamento dei binari, della stazione e di tutta l'area".

Euronews
Intervista sui binari della stazione di Kiev: Sasha Vakulina e Oleksandr Kamyshin.Euronews

I "treni della vittoria"

Alla stazione ferroviaria c'è un tabellone luminosi con i "treni della vittoria" in partenza verso le città attualmente occupate nell'est dell'Ucraina e in Crimea.

Sasha Vakulina, giornalista di Euronews: 
"Simferopol, Kherson, Lugansk, Sebastopoli, Kerch, Berdiansk... Dove andrà dopo la vittoria?"

Risponde Oleksandr Kamyshin, Amministratore Delegato delle Ferrovie ucraine: 
"Se ricorda, il presidente Zelensky ha detto a David Letterman che un giorno sarebbe andato in riva al mare a bere una birra. E per il compleanno del presidente, io gli ho promesso un treno per la Crimea, per andare in riva in Crimea. Probabilmente, prenderò lo stesso treno".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ouigo, Avlo e Lumo, lotta al prezzo stracciato tra compagnie ferroviarie e aeree europee

Ucraina, l'altro campo di battaglia: il cyberspazio

Ucraina, attacco russo colpisce l'ospedale pediatrico Okhmatdyt a Kiev