EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Spagna, i ritardi della Sanità tra pubblico e privato

frame
frame Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il settore pubblico guadagna terreno, il Servizio sanitario nazionale cede il passo. Per il governo socialista tra le priorità la difesa dello Stato sociale

PUBBLICITÀ

Come accade in molti paesi europei anche in Spagna la sanità pubblica fatica a stare al passo della domanda. Per molti la sola alternativa è quella di rivolgersi al settore privato. "Nel pubblico tempi di attesa per un appuntamento sono molto lunghi ma a volte non si può aspettare nè rimandare l'appuntamento col medico", spiega la paziente di una clinica privata.

L'ultima spinta per rivolgersi al settore privato, che macina profitti, è arrivata dalla pandemia, dopo la quale un milione e mezzo di spagnoli hanno sottoscritto una polizza privata, portando a 12 milioni il numero complessivo di assicurati.

Per Jesús Fernández Lobo, imprenditore del settore, "Il sistema sanitario pubblico è stato sottoposto a una pressione insostenibile e i privati si sono fatti carico di pazienti che non avrebbero potevano essere curati dalla sanità pubblica".

Pandemia, o scelte politiche, sta di fatto che in Spagna 700.000 pazienti sono nelle liste per farsi operare, con un tempo medio di attesa di 113 giorni. Tuttavia anche nelle cliniche private si scontano rallentamenti. "Il ritardo per una visita in centri privati come questo era inferiore alle due settimane, ma lo stato delle cose ha aumentato i tempi di attesa anche in alcuni centri specialistici privati".

In questo quadro la spesa dei cittadini per le polizze assicurative sanitarie è cresciuta del 7 per cento, toccando i 10 miliardi e mezzo di euro. Juan Abarca, presidente dell'IDIS, una fondazione che riunisce gli operatori privati della sanità, nega che la crescita del settore privato debba preoccupare. "Semmai dobbiamo inquietarci per il fatto che la gente non voglia rivolgersi alla sanità pubblica", dice. "Il modello che abbiamo non è stato concepito per rendere la sanità privata un'alternativa, ma piuttosto un complemento al sistema sanitario pubblico".

Per il governo spagnolo a guida socialista, una delle priorità rimane quella di salvare la sanità pubblica, uno dei pilastri dello stato sociale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le liste d'attesa degli ospedali in Spagna hanno raggiunto livelli record

Congedo mestruale: una vittoria per le donne o un passo indietro?

A Mario Draghi il premio europeo Carlos V, "L'Europa non sia passiva se prosperità minacciata"