EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Stati Uniti: documenti segreti nell'ex ufficio di Biden, indagine in atto

AP Photo
AP Photo Diritti d'autore Susan Walsh/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Susan Walsh/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il presidente americano ha dichiarato di non essere a conoscenza del contenuto dei documenti, risalenti all'epoca dell'amministrazione Obama, esprimendo sorpresa per il rinvenimento

PUBBLICITÀ

La Commissione di vigilanza della Camera statunitense sta esaminando una serie di documenti segreti, trovati negli ex uffici di Washington di Joe Biden.

Il presidente americano ha dichiarato di non essere a conoscenza del contenuto dei documenti, risalenti ai tempi dell’amministrazione Obama, esprimendo sorpresa per il rinvenimento.

"Sono stato informato di questa scoperta - dice Biden - e sono rimasto sorpreso di apprendere che c'erano documenti governativi in quell'ufficio.

Non so cosa ci sia nei documenti e i miei avvocati non mi hanno suggerito di chiedere cosa fossero, i faldoni sono stati consegnati agli archivi e stiamo collaborando pienamente".

Susan Walsh/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
AP PhotoSusan Walsh/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

Il consigliere speciale di Biden, Richard Sauber, ha fatto sapere che i documenti sono stati ritrovati lo scorso novembre.

"La Commissione è preoccupata che il presidente abbia compromesso fonti e metodi con la sua cattiva gestione dei documenti", ha scritto il capo della Commissione, James Comer, in una lettera alla Casa Bianca.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Blocco aerei: Stati Uniti indagano sulle cause

Usa, l'ex vicepresidente Pence: "Io contro l'isolazionismo, dobbiamo sostenere gli alleati"

Trump a processo, morto l'uomo che si è dato fuoco davanti al tribunale di New York