EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Legge di bilancio, qualcosa si muove: venerdì voto di fiducia

Riflessioni.
Riflessioni. Diritti d'autore Roberto Monaldo/LaPresse
Diritti d'autore Roberto Monaldo/LaPresse
Di Redazione italiana Euronews - Ansa
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

La Commissione Bilancio della Camera, al settimo giorno di lavoro sulla manovra, ha concluso l'esame degli emendamenti e ha dato il mandato ai relatori, Paolo Trancassini, Roberto Pella e Silvana Comaroli: il testo approderà in Aula alla Camera domani, con il voto di fiducia atteso venerdì.

PUBBLICITÀ

La Commissione Bilancio della Camera, al settimo giorno di lavoro sulla manovra, ha concluso l'esame degli emendamenti e ha dato il mandato ai relatori, Paolo Trancassini, Roberto Pella e Silvana Comaroli: il testo approderà in Aula alla Camera domani, con il voto di fiducia atteso venerdì. 

Le principali misure

Nel maxi-emendamento, che ritocca la Legge di Bilancio, sono previste alcune novità (e qualche ritorno).

  • Nuova stretta al Reddito di Cittadinanza: il sussidio dovrebbe ridursi da 8 a 7 mesi per gli "occupabili", con la perdita del sussidio al primo rifiuto di un'offerta di lavoro, anche non "congrua" e persino se in una città diversa da quella di residenza. 
    Dal 1° gennaio 2023, per i beneficiari del reddito di cittadinanza di età compresa tra 18 e 29 anni che non hanno terminato la scuola dell'obbligo, l'erogazione del beneficio è condizionata all'iscrizione e alla frequenza di percorsi di formazione o, comunque, funzionali all'adempimento dell'obbligo scolastico, 

  • Cambia la norma della Manovra che rivede per il 2023 e 2024 la rivalutazione automatica delle pensioni: sale dall'80 all'85% la rivalutazione per gli assegni tra 4 e 5 volte il minimo (circa 2.000-2.500 euro), mentre per le pensioni più alte gli scaglioni vengono rivisti con una riduzione della percentuale. L'indicizzazione passa dal 55% al 53% per le pensioni tra 5 a 6 volte il minimo; da 50% a 47% tra 6 e 8 volte il minimo da 40% a 7% da 8 a 10 volte il minimo e da 35% a 32% negli assegni oltre 10 volte il minimo (oltre 5.000 euro). 

  •  Il congedo parentale sale dal 30 all'80% e potrà essere usato anche dai papà. Il congedo può essere usato "in alternativa tra i genitori per la durata massima di un mese fino al sesto anno di vita del bambino". 

  • Torna la possibilità di rinegoziare il mutuo, passando dal tasso variabile al tasso fisso. La richiesta potrà essere avanzata su mutuiipotecari in origine non superiori a 200.000 euro e per chi haun'Isee, al momento della richiesta, non superiore a 35.000 euro e che non abbia avuto ritardi nei pagamenti delle rate.

  • Cancellata la soglia dell'obbligo per accettare i pagamenti elettronici con il POS a 60 euro: troppe critiche e troppe criticità nei confronti del PNRR. E tornano le multe per i commercianti che rifiutano di accettare pagamenti con carte e bancomat. 

  • Nel primo trimestre del 2023, l'Iva per le forniture di servizi di teleriscaldamento scende al 5%.Lo prevede un emendamento alla Manovra. Approvato anche l'emendamento cha riduce al 10% l'Iva applicabile sul pellet.

  • Per i condomini arriva la proroga fino al 31 dicembre 2022 dei termini per presentare la Comunicazione di inizio lavori asseverata (Cila) per poter beneficiare del Superbonus al 110%. Le delibere assembleari che hanno approvato l'esecuzione dei lavori devono risultare approvate entro il 18 novembre, data antecedente l'entrata in vigore del decreto aiuti-quater.

  •  Arriva lo sconto fiscale del 50% sull'Iva per l'acquisto di abitazioni in classe energetica A eB. La misura, finalizzata a favorire la ripresa del mercato immobiliare, prevede, ai fini dell'Irpef una detrazione dall'imposta lorda, fino alla concorrenza del suo ammontare, del 50% dell'importo corrisposto per l'Iva per gli acquisti di unità immobiliari a destinazione residenziale, cedute dalle imprese costruttrici, entro il 31 dicembre 2023. 

  • La tassa sugli extraprofitti sarà applicata alle società con almeno "il 75% dei ricavi del periodo d'imposta antecedente a quello in corso al 1° gennaio 2023" derivante dalle attività di produzione e vendita di energia elettrica, gas e prodotti petroliferi. 

  • Arriva il tetto agli stipendi per i manager delle banche salvate con l'intervento dello Stato. L'emendamento stabilisce che il trattamento economico annuo per gli incarichi conferiti dal 1° gennaio 2023 non possa superare quello del primo presidente della Corte di Cassazione, fissato in 240.000 euro annui.

  • Via libera all'emendamento che apre alla possibilità di abbattimenti di fauna selvatica (in particolare i cinghiali), per motivi di sicurezza stradale, anche in aree protette e in città. L'emendamento è a firma Foti (Fdi). 

  • Ok della Commissione Bilancio della Camera al restyling della App18, il bonus per i 18enni: alsuo posto arrivano due nuovi bonus, basati sul reddito e sul merito. Per i maggiorenni arrivano una 'Carta della cultura Giovani', per i residenti nel territorio nazionale appartenenti a nuclei familiari con Isee fino a 35.000 euro, assegnata e utilizzabile nell'anno successivo a quello del compimento dei 18 anni; e una 'Carta del merito' per chi si è diplomato con 100/100.Valgono 500 euro ciascuna e sono cumulabili. 

  • Slitta di due mesi, dal 31 gennaio al 31 marzo, lo stralcio automatico delle cartelle fino a 1.000relative al periodo 2000-2015. Approvato anche l'emendamento che esclude dalla cancellazione automatica le sanzioni amministrative, comprese le multe. Inoltre i Comuni possono decidere di non applicare la norma. 

  • Tavolini all'aperto e dehors liberi fino al 30 giugno 2023. La modifica proroga il termine del 31 dicembre 2022 per l'occupazione del suolo pubblico per il settore della ristorazione. 

  • Per promuovere le misure necessarie a rimuovere gli svantaggi derivanti dall'insularità è istituito presso il MIT (Ministero del Turismo) un apposito fondo per garantire un "completo ed efficace sistema di collegamenti aerei da e per la Sicilia e da e per la Sardegna" con una dotazione di 2 milioni per il 2023 e 4 milioni dal 2024. Le disposizioni si applicano ai cittadini residenti nelle regioni Sicilia e Sardegna.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il governo Meloni vara la legge di Bilancio 2023

Incontro Stoltenberg-Meloni: "Nato indispensabile per sicurezza e crescita"

La premier Meloni debutta a Bruxelles