Toquinho e la piccola sana follia ottimista - i commenti e i ricordi dopo 50 anni di carriera

Toquinho durante l'intervista
Toquinho durante l'intervista Diritti d'autore Vocalia
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Breve conversazione con Toquinho, a margine del suo concerto vicino a Pordenone, per il festival Vocalia. Parla della sua epoca, ma guarda anche con ottimismo al futuro. C'è un fermento, qualcosa sta ripartendo...

PUBBLICITÀ

Una vita tra Brasile e Italia, una vita tutta da raccontare, dalla collaborazione con Morricone, Ornella Vanoni e tanti altri, ma anche la vita del suo Brasile, quel fiorire di talenti e d'idee che ha caratterizzato la sua epoca. A Maniago, Pordenone, nel recente festival Vocalia, c'era anche lui: Toquinho, oltre a Tosca e gli Extraliscio. S'è raccontato al pubblico, ha suonato i suoi cinquant'anni di carriera, poi ci ha raccontato del suo Brasile rispetto a quello di oggi: era un'altra epoca, dice. Ci sono talenti anche oggi, ci sono grandi star, ma in ordine sparso. Allora era un movimento: nella musica, nell'architettura, andava tutto di pari passo. 

Un'idea, una a caso: fare il Ministro, magari della cultura come aveva fatto il suo collega Gilberto Gil con Lula presidente, che è di nuovo lì - chiunque vinca, avremo davanti un grande passato, aveva detto Toquinho prima del voto, e...  no, un ministero non lo acceterebbe, ma non per polemica: dice che è un lavoro troppo stressante, dev'essere un'enorme pressione - riflette - e poi se fai il ministro devi smettere di fare il tuo lavoro. E questo no, Toquinho non è pronto ad accettarlo.  

 Niente ministero, allora. Ma qualche consiglio forse sì: cosa serve, cosa si può fare per la cultura? E lui, almeno sui fondi pubblici destinati al settore, è ottimista.

Non ci resta che approfittare della presenza di un personaggio del genere per suggere un po' del suo ottimismo anche sulla situazione in Europa: ce la descrive così, con un pizzico di sana follia.  Dice che dopo due anni e mezzo di pandemia, con tutti più o meno fermi, con la guerra in corso, ovviamente si soffre, ma è anche un punto di ripartenza. Dice di avere l'impressione che si stia creando quel fermento, ora. Quell'energia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Fortune pink, venduto all'asta il diamante dei record

Norvegia, la principessa lascia gli incarichi reali per amore

Italia Paese più vecchio d'Europa: preoccupati gli economisti