This content is not available in your region

La bolla georgiana: così la migrazione russa ha fatto schizzare gli affitti alle stelle

Access to the comments Commenti
Di Euronews
migranti russi arrivano in Georgia dopo l'annuncio della mobilitazione, settembre 2022
migranti russi arrivano in Georgia dopo l'annuncio della mobilitazione, settembre 2022   -   Diritti d'autore  Zurab Tsertsvadze/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved   -  

Non si è mai arrestato, dallo scoppio della guerra in Ucraina, l'afflusso di cittadini russi in Georgia dove la marea migratoria ha gonfiato a dismisura i prezzi del mercato immobiliare.

Secondo i dati del Ministero della Patria georgiano, i transiti di frontiera sono aumentati del 40%, ma sei russi su dieci restano solo di passaggio nel paese: chi resta secondo gli esperti, affitta perlopiù appartamenti

"Da quando è iniziata la guerra in Ucraina - spiega Kakha Samkurashvili, ricercatore associato senior presso la Banca d'investimento Galt & Taggart - si è riversata un'enorme marea di migranti che ha avuto un forte impatto sul mercato degli affitti. Di conseguenza, ad aprile il prezzo degli affitti è salito in media del 60%, poi si è stabilizzato. La domanda di immobili proviene principalmente da immigrati facoltosi, che affittano perché acquistare non sembra ragionevole, dato che la loro presenza potrebbe essere temporanea".

La maggior parte dei russi evita le telecamere in Georgia. E chi accetta di parlare non ha molto da dire sui suoi progetti futuri.

"Abbiamo partecipato alla protesta contro la guerra a Pietroburgo" spiega un giovane che non vuole rivelare il suo nome. "Hanno sollevato un caso amministrativo contro di noi. Così non abbiamo aspettato che la situazione peggiorasse e siamo fuggiti. Stavamo pensando di comprare un appartamento qui, ma ultimamente la Georgia è diventata così sovraffollata che abbiamo deciso di non approfittare più dell'ospitalità di questo Paese e della gente e di risolvere i nostri problemi autonomamente altrove."

Alcuni migranti russi si sono interessati direttamente all'acquisto di terreni negli ultimi tempi, come spiegano gli operatori del mercato immobiliare

"C'è stata richiesta di terreni da quando la mobilitazione è stata annunciata" spiega Vazha Mebaghishvili Presidente dell'Associazione nazionale georgiana per il settore immobiliare. "Tuttavia non sempre è un buon affare e molti non possono permettersi di vendere. Se nella fase precedente della migrazione abbiamo visto una domanda di immobili di alto livello, ora la domanda arriva su appartamenti a basso prezzo dove fino a 5-10 persone vogliono vivere. Dopo la mobilitazione molti cercano un alloggio, ma noi non possiamo aiutarli"

Secondo le organizzazioni immobiliari georgiane, alcuni proprietari di immobili in Georgia sono riluttanti ad affittare le loro proprietà a cittadini russi o bielorussi, perché temono che non abbiano i soldi per pagare gli affitti e diventino abusivi.