EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Italia-Russia: "Il problema del futuro governo? Mantenere un certo allineamento e fugare i sospetti"

Paolo Calzini, professore associato Johns Hopkins University
Paolo Calzini, professore associato Johns Hopkins University Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Gioia Salvatori
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Per il professor Paolo Calzini il prossimo esecutivo si muoverà in continuità con Draghi nelle relazioni con Mosca ma allo stesso tempo dovrà fugare sospetti e ambiguità e decidere come bilanciare i rapporti con Berlino e Parigi

PUBBLICITÀ

Come saranno le relazioni Italia-Russia con il futuro governo a guida estrema destra? Lo abbiamo chiesto a Paolo Calzini, professore associato della Johns Hopkins University, esperto di storia dell'est Europa e di relazioni internazionali. 

Come cambieranno secondo lei le relazioni Italia-Russia?

"Secondo me si cercherà di mantenere una continuità perché il governo ha bisogno di una legittimazione internazionale. Inoltre con grossi problemi all'interno, non intenderà mutare, a mio parere, quello che è un allineamento abbastanza stretto con il blocco euro-atlantico. Questo governo ha comunque un problema di fondo, che è quello di mantenere un certo allineamento riducendo quelle che sono certi sospetti, a livello internazionale, su questo cambiamento di governo: da un governo pragmatico centrista qual era quello di Draghi a un governo orientato a destra (anche se si è voluto definire di centrodestra per attenuare il senso di un mutamento troppo radicale). 

Meloni nel 2014 si disse contraria alle sanzioni contro la Russia. Quando Putin è stato rieletto l'ultima volta sia felicitato con il presidente russo. Riuscirà a far dimenticare la sua linea più filo-moscovita?

"Questo fa parte di una politica di aggiustamento anche abbastanza ambigua, da parte della Meloni. Perché è su questo aspetto che può essere fortemente criticata in particolare dal maggior partito dell'opposizione, il Partito democratico. 

Ci sono poi gli alleati di Meloni, Forza Italia e la Lega. Anche la loro linea non si può certo definire dura nei confronti di Mosca...

"Anche queste due formazioni, a mio parere, stanno modificando il loro atteggiamento in politica internazionale. Qui c'è un altro punto importante ed è quanto questo governo riuscirà ad essere equilibrato nel rapporto con la Francia, in particolare con Francia e Germania, che tutto sommato mantengono anche oggi, nonostante oscillazioni, un atteggiamento più pragmatico e più aperto all'idea di consultazioni e di negoziati con la Russia".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Relazioni Italia-Usa? "Dipenderanno da ministri di Economia ed Esteri"

Governo: respinta la sfiducia contro Salvini e Santanchè

Polonia, Tusk: "Arrestati dodici sabotatori controllati dalla Russia"