This content is not available in your region

Continua l'esodo russo: proteste al confine con la Georgia

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Proteste al confine russo-georgiano
Proteste al confine russo-georgiano   -   Diritti d'autore  AFP   -  

Proteste al confine georgiano

"Putin è un terrorista", "la Russia uccide", recitano alcuni dei cartelli dei manifestanti georgiani al confine con la Russia mercoledi.

A preoccuparli è l'esodo dei cittadini russi verso Tbilisi , in forte aumento da quando Putin ha dichiarato una mobilitazione parziale il 21 settembre.

Secondo il partito Droa, che ha organizzato la protesta, gli sfollati minacciano la sicurezza e l'economia della Georgia.

"La Georgia è occupata dalla Russia, così come parte dell'Ucraina è ancora occupata dalla Russia, per questo non sono benvenuti qui come amici o fratelli", ha dichiarato un manifestante.

"Se vogliono cambiare qualcosa nel loro paese, se non sono d'accordo e se sono contrari alla guerra e alla mobilitazione, devono affrontare questi problemi a casa loro", ha aggiunto.

Code anche al confine finlandese

Lunedì la Finlandia ha dichiarato che nel fine settimana sono entrati nel Paese più russi che in qualsiasi altro periodo dell'anno, L'agenzia di frontiera ha dichiarato che sabato quasi 8.600 russi sono entrati in Finlandia attraverso il confine terrestre e quasi 4.200 hanno attraversato la frontiera opposta. Domenica sono arrivati più di 8.300 russi e ne sono usciti quasi 5.100.

Fuga verso il Kazakistan

Al confine tra Russia e Kazakistan, grandi folle di russi attraversano il Paese vicino e si dirigono verso la città di Oral, per evitare di essere chiamati a combattere in Ucraina. Non sapendo cosa fare, registrano la loro residenza presso il centro amministrativo della città e cercano di trovare una sistemazione temporanea nei dintorni. Martedì le autorità del Kazakistan hanno dichiarato che 98.000 russi hanno attraversato il Paese da quando Putin ha annunciato una bozza parziale la scorsa settimana.