This content is not available in your region

Ucraina: Uber trasporta gratuitamente i "camici bianchi" che salvano la cultura

Access to the comments Commenti
Di Euronews World - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
euronews_icons_loading
I "camici bianchi della cultura ucraina" provano a salvare il salvabile.
I "camici bianchi della cultura ucraina" provano a salvare il salvabile.   -   Diritti d'autore  Euronews

Il ministro della Cultura ucraino ha accusato la Russia di "genocidio culturale" nel suo Paese.

In un'intervista a Euronews, Oleksandr Tkachenko ha affermato che dall'inizio dell'invasione di Mosca, il 24 febbraio, più di 500 siti del patrimonio culturale sono stati distrutti o danneggiati.

Secondo Tkachenko, 160 chiese ucraine e almeno due musei sono stati deliberatamente presi di mira, semplicemente perché rappresentano l'identità culturale dell'Ucraina.

"Un genocidio culturale"

"Per quanto mi riguarda, è sicuramente un genocidio. Non si tratta solo di persone, intendo vite umane e territorio. Si tratta anche della nostra identità, che rappresenta il nostro patrimonio culturale, la nostra lingua, la nostra storia. 
Putin e il suo regime negano l'identità dell'Ucraina e stanno cercando di rovinare tutto ciò che è legato al patrimonio culturale".

Euronews
"Per quanto mi riguarda, è sicuramente un genocidio culturale":Euronews

In tutta l'Ucraina, volontari ed esperti si sono uniti in un enorme sforzo collettivo per rimuovere manufatti e opere di valore dai luoghi considerati a rischio di un attacco russo.

E il Ministero della Cultura, già da mesi, sta collaborando con la multinazionale dei trasporti Uber per accelerare la missione di salvataggio.
Il gigante della tecnologia statunitense ha sviluppato una versione personalizzata della sua app, per trasportare i "conservatori delle tradizione" - con inconfondibili camici bianchi da "dottori della cultura" - dove la loro presenza è necessaria, sempre più frequentemente.

"Furgoni Uber a disposizione"

Il CEO di Uber ha dichiarato a Euronews che i furgoni Uber da 12 posti stanno trasportando gratuitamente le squadre di esperti tra una città e l'altra e tra i siti di evacuazione e il deposito degli oggetti da salvare.

Euronews
Il furgone Uber trasporta gratuitamente gli esperti da un museo all'altro.Euronews

Dara Khosrowshahi, CEO di Uber: 
"Si tratta di orgoglio nazionale. Riguarda l'identità, la storia. La cultura ucraina è una cultura profonda, che merita di essere protetta. Ovviamente, l'attenzione all'inizio, giustamente, era sulle vite da salvare e sul cibo che mancava. Ma la storia ucraina è qualcosa che dovremmo tutti provare a preservare nel miglior modo possibile, in questa tragica guerra in corso".

Euronews
"E' una questione di cultura, di identità, di storia".Euronews

L'accordo tra l'Ucraina e Uber include il trasporto gratuito per rifugiati, medici, infermieri, dipendenti del governo locale e ONG in tutta l'Ucraina, ma anche una partnership con il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) per aiutare a fornire aiuti alimentari di emergenza alle comunità che ne hanno urgente bisogno e, infine, l'espansione dei servizi di trasporto essenziali di Uber in altre 12 città ucraine.

"Siamo orgogliosi di aiutare l'Ucraina".
Dara Khosrowshahi
CEO di Uber

"Russificazione" difficile

Nelle zone dell'Ucraina occupate dai russi, Mosca sta cercando in vari modi di imporre la lingua e la cultura russa alle popolazioni locali, oltre al passaporto russo. Ma per gli ucraini, la guerra non riguarda solo vite e territorio: è anche una battaglia esistenziale per la sopravvivenza della propria identità e della propria cultura.