This content is not available in your region

Argentina, la vicepresidente Kirchner rischia 12 anni di prigione

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Manifesto nel quartiere di recoleta
Manifesto nel quartiere di recoleta   -   Diritti d'autore  AP Photo

Lunedì i pubblici ministeri hanno chiesto a un giudice di condannare la vicepresidente argentina Cristina Fernández Kirchner a 12 anni di carcere e di impedirle di ricoprire cariche pubbliche a vita.

"Corruzione o giustizia"

"Siamo di fronte alla più grande manovra di corruzione che questo Paese abbia mai conosciuto", ha detto il procuratore Diego Luciani nella sua arringa finale del processo a Fernández, che è stata presidente dell'Argentina dal 2007 al 2015, prima di diventare vicepresidente nel 2019.

La presunta frode ai danni dello Stato è costata alle casse del Paese circa 1 miliardo di dollari, ha detto Luciani.

L'ex presidente ha negato con veemenza le accuse contro di lei nel processo durato tre anni e ha detto che i giudici hanno già la sentenza contro di lei "scritta e persino firmata".

Fernández ha definito il processo come un tentativo di usare i tribunali per impedirle di ricoprire nuovamente una carica elettiva, mentre i suoi alleati lo hanno definito un'accusa politica.

L'ufficio presidenziale è intervenuto a sostegno della Fernández, affermando che è vittima di una "persecuzione da parte dei tribunali e dei media".

Anche l'attuale presidente Alberto Fernández ha espresso "solidarietà" al suo numero due in un post sui social media.

Luciani ha detto ai giudici che saranno loro a decidere se prevarrà "la corruzione o la giustizia".

L'accusa di cospirazione

Sebbene Fernández abbia affrontato numerose accuse di corruzione per fatti avvenuti quando era in carica, questa è la prima volta che un processo contro l'ex presidente arriva a un punto tale da includere un pubblico ministero che richieda formalmente una condanna.

Fernández, 69 anni, è accusata di aver guidato una cospirazione che prevedeva l'assegnazione di 51 contratti di lavori pubblici per opere stradali a Lázaro Báez, nella provincia meridionale di Santa Cruz.

Molte di queste opere pubbliche non sono mai state completate.

I procuratori sostengono che Báez, un ex impiegato di banca che è diventato un magnate dei lavori pubblici, ha creato la società Austral Construcciones come mezzo per vincere gli appalti statali.

Nel caso sono imputate altre 12 persone, tra cui Báez e Julio De Vido, il ministro responsabile dei lavori pubblici durante l'amministrazione Fernández.

La sentenza è attesa per la fine dell'anno, e Kirchner potrebbe fare appello.