Rail Baltica, ecco la ferrovia europea che diventerà la transiberiana del Baltico

Mappa della nuova infrastruttura ferroviaria
Mappa della nuova infrastruttura ferroviaria Diritti d'autore Euronews Screenshot
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Unirà Polonia, Estonia, Lituana, Lettonia e Finlandia, con due collegamenti fino a Helsinki. Dovrebbe essere operative per il 2026

PUBBLICITÀ

Un cartello stradale sul fiume lituano Neris segna l'inizio dei lavori di costruzione di quello che sarà il ponte ferroviario più lungo degli Stati baltici.

La struttura sarà parte della cosiddetta Rail Baltica, collegamento ferroviario europeo che da Varsavia arriverà fino a Tallinn passando per Kaunas e Riga, con un collegamento a Helsinki tramite traghetto o con il tunnel Helsinki-Tallinn.

Al progetto lavorano Polonia, Lituania, Lettonia, Estonia e Finlandia.

Alla cerimonia di inaugurazione, la premier lituana Ingrida Simonyte ha sottolineato l'importanza economica, geopolitica e militare del progetto.

Lungo oltre un chilometro e mezzo, il ponte ferroviario sul fiume Neris è una struttura tecnicamente complessa nel mezzo di una riserva naturale: il suo completamento è previsto in due anni e mezzo.

Rail Baltica dovrebbe invece essere operative per il 2026. Sullo sfondo della guerra in Ucraina, il collegamento ferroviario lungo quasi 900 chilometri è di importanza strategica per aumentare la mobilità militare nella regione e per rendere più rapidamente raggiungibili le sedi della NATO.

Il progetto del ponte, del valore di 64 milioni di euro, è una delle strutture tecnicamente più complesse del progetto Rail Baltica.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Paesi baltici, accordo per una linea di difesa comune per rafforzare il confine orientale della Nato

Lituania, festa per i vent'anni dall'adesione alla Nato, Nausėda: "Russia incombe ma non siamo soli"

Estonia: accusa di corruzione, si dimette il ministro della Giustizia