This content is not available in your region

Algeri: grande parata militare per i 60 anni dell'Indipendenza

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Algeri, 5.7.2022
Algeri, 5.7.2022   -   Diritti d'autore  Toufik Doudou/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

Una grande parata militare è stata organizzata dall'esercito algerino ad Algeri, la prima nel suo genere dal 1988 e la più grande nella storia del Paese nordafricano, in occasione del 60° anniversario dell'Indipendenza, che si festeggia il 5 luglio.

La sfilata si è svolta sull'autostrada adiacente alla Moschea di Algeri (la terza moschea più grande del mondo) nel mezzo della baia della Capitale. 

Il via alla parata militare è stato dato dal presidente Abdelmadjid Tebboune, alla presenza di numerosi funzionari stranieri, come la presidente del Senato italiano Maria Elisabetta Alberti Casellati. 

Hanno sfilato varie formazioni dell'esercito algerino provenienti da forze terrestri, aeree e marittime con navi da guerra e sottomarini sul lungomare del Mediterraneo nel Golfo di Algeri.

La parata è durata diverse ore, con lanci di precisione dei paracadutisti delle forze speciali e una sfilata di equipaggiamento militare per varie armi, la più importante delle quali è il sistema missilistico di difesa aerea a lungo raggio S-300.

Nonostante il caldo soffocante, centinaia di cittadini erano presenti ai bordi dell'autostrada che dal centro della Capitale porta all'aeroporto della periferia est, passando accanto alla Moschea di Algeri, per assistere alle varie sessioni della parata militare e di armamento.

Toufik Doudou/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Algeri, 5.7.2022Toufik Doudou/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

Il messaggio di Macron

Le relazioni bilaterali Algeria-Francia sembravano aver toccato il punto più basso in ottobre, quando il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che l'Algeria, dopo l'indipendenza, è stata costruita su "una memoria di rendita", mantenuta dal "sistema politico-militare", sollevando inevitabilmente le ire di Algeri.

Lunedì sera, la presidenza francese ha annunciato che Macron ha inviato una lettera al suo omologo algerino Tebboune, in cui chiede di "rafforzare i già forti legami" tra i due Paesi.

Macron "ribadisce, inoltre, il suo impegno a proseguire nel suo approccio di riconoscimento della verità e della riconciliazione della memoria dei popoli algerino e francese", ha aggiunto in una nota l'Eliseo, che precisa che martedì è stata deposta una corona di fiori a nome del presidente al Memoriale nazionale della guerra d'Algeria, a Parigi, in omaggio alle vittime del massacro degli europei a Orano, il 5 luglio 1962.

ASSOCIATED PRESS/AP1962
Algeri, 5.7.1962ASSOCIATED PRESS/AP1962