This content is not available in your region

Kiev nel mirino dei russi per la prima volta da aprile. La battaglia infuria a est

Access to the comments Commenti
Di Giulia Avataneo
euronews_icons_loading
Irpin
Irpin   -   Diritti d'autore  Natacha Pisarenko/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

La polizia ucraina ha condiviso un video che mostra le conseguenze dei bombardamenti russi nella città di Lysychansk, nella regione di Lugansk: la sede per la distribuzione degli aiuti umanitari è stata rasa al suolo, più di 40 persone vivevano stabilmente nell'edificio, ma non sono state fornite informazioni su eventuali vittime. Lo riporta il Guardian.

Nelle immagini si vedono edifici amministrativi, residenziali e strade danneggiati.

Colpita la capitale

Per la prima volta da fine aprile Kiev torna nel mirino dei missili russi: diretti ai carri armati in arrivo dall'Occidente, secondo il Cremlino. "Hanno colpito edifici lungo la ferrovia che nulla hanno a che fare con le armi", ribatte il governo ucraino.

Secondo il presidente russo Vladimir Putin i missili promessi dagli USA all'Ucraina non cambieranno le sorti del conflitto, ma forniranno nuovi obiettivi alle operazioni russe.

"Tutto questo trambusto per le consegne di armi in più ha un solo obiettivo: trascinare il conflitto armato il più a lungo possibile - ha detto in un'intervista - Ma in caso di consegne di armi a lungo raggio, trarremo le nostre conclusioni. Useremo i nostri mezzi di distruzione, di cui disponiamo a sufficienza, per colpire nuovi obiettivi".

Battaglia infuria a est

La battaglia infuria a Lyssychansk e Severodonetsk, che secondo i russi è quasi completamente nelle loro mani. Ma le forze ucraine dichiarano di essere riuscite a respingere gli aggressori, nonostante Mosca abbia concentrato nella città chiave dell'est ucraino tutta la sua potenza di fuoco. Il governatore della regione di Luhansk, Sergiy Gaiday, ha dichiarato che l'esercito russo ha preso il controllo della maggior parte di Sievierodonetsk, ma le forze ucraine continuano a rispondere agli attacchi.

"Nei giorni scorsi abbiamo avuto una situazione difficile - ha detto - I russi controllavano circa il 70% della città. Ma negli ultimi due giorni sono stati respinti. Ora la città è divisa circa a metà. I russi hanno paura di circolare liberamente".

La giornata sul campo

Nelle ultime settimane Mosca ha concentrato i suoi attacchi sui fronti a est e a sud, anche se occasionalmente colpisce anche nel resto del Paese in quella che definisce una campagna diretta alle infrastrutture militari dell'Ucraina e bloccare gli arrivi di armi occidentali nel Paese.

Domenica la leader dell'amministrazione regionale di Kharkiv, Oleg Sinegubov, ha detto che nelle ultime 24 ore i militari russi hanno bombardato diversi insediamenti nei distretti di Kharkiv e Chuguev, tra cui il villaggio di Dergachi, il villaggio di Tsirkuny e la città di Balakleya.

Secondo le autorità locali, almeno sei persone sono rimaste ferite.

Inoltre, è stato segnalato un bombardamento a Kramatorsk, senza vittime.