This content is not available in your region

Nord Irlanda al voto: una vittoria dello Sinn Féin sarebbe storica

Access to the comments Commenti
Di Gianluca Martucci
euronews_icons_loading
Entrata in un seggio in Irlanda del Nord
Entrata in un seggio in Irlanda del Nord   -   Diritti d'autore  OLI SCARFF/AFP or licensors

L'Irlanda del nord va alle urne e potrebbe assistere a una svolta storica. I sondaggi indicano che il partito filoirlandese del Sinn Féin otterrà più seggi di tutti gli altri partiti in corsa. Da quando il Paese è stato diviso politicamente dal resto dell'isola, gli unionisti protestanti del Democratic Unionist Party (Dup) hanno sempre governato a fasi alterne, ma negli ultimi anni i cattolici filoirlandesi hanno recuperato terreno più che mai.

La sconfitta dei protestanti, data per probabile, sarebbe la più grande svolta politica in cento anni. Inoltre il risultato potrebbe mettere pressione sul governo britannico per costringerlo a indire un referendum sull'unificazione dell'isola.

"Uno scenario del genere sarebbe incredibile dal punto di vista psicologico e simbolico e indebolirebbe degli unionisti filobritannici, che entrerebbero in una fase di forte messa in discussione", sostiene Brian Feeney del Columnist Irish News. 

Alle elezioni del 2017 gli unionisti filobritannici del Dup hanno ottenuto 28 dei 90 seggi dello Stormont, solo uno in più dei cattolici filoirlandesi del Sinn Féin.

Con i cattolici in crescita e la nascita di un partito concorrente, gli unionisti potrebbero perdere il posto di partito dominante, uno sviluppo che desterebbe preoccupazione a chi dall'altra parte del mare d'Irlanda teme una riunificazione politica dell'isola.

"Tutti daranno per scontata la nascita di un'Irlanda unita, ma i sondaggi più affidabili dicono che tre persone su quattro non voteranno per il Sinn Fein, ma il partito sfrutterà queste preoccupazioni per creare inquietudine su un possibile referendum", sostiene Ben Lowry del Belfast News Letter

Un sondaggio di opinione pubblicato questa settimana proietta il Sinn Féin verso la vittoria a discapito degli unionisti del Dup. Alcuni esperti però invitano ad associare con cautela il risultato delle elezioni con le prospettive di un Irlanda Unita.

AP Photo
Proiezioni dell'Institute of Irish Studies/University of Liverpool/Irish News sulle elezioni politiche in Nord IrlandaAP Photo

"Coloro che non voteranno per i partiti unionisti sosterranno il partito centrista dell'Alleanza dell'Irlanda del Nord, che promuove l'idea di riunificazione più pragmatica e basata sulle ragioni economiche: questa opzione lascerebbe poco spazio a un referendum nel prossimo futuro", dice lo storico Paul Bew.

Gli ultimi sondaggi ci dicono che i filoirlandesi del Sinn Fein otterranno più seggi di tutti gli altri partiti. Sarebbe la più grande scossa politica da quando i britannici hanno diviso l'isola nel 1921. Se così fosse c'è da aspettarsi che le richieste di un referendum sull'unificazione si moltiplicheranno nei prossimi mesi.