This content is not available in your region

Guy Verhofstadt: 'Basta col diritto di veto nell'Unione Europea'

Access to the comments Commenti
Di Sandor Zsiros
euronews_icons_loading
Guy Verhofstadt: 'Basta col diritto di veto nell'Unione Europea'
Diritti d'autore  euronews

Guy Verhofstadt, il responsabile della Conferenza sul futuro dell'Europa al Parlamento europeo si fa portavoce della necessità di porre fine all’era del diritto di veto nell'Unione europea. Lo ha intervistato per Euronews Sándor Zsiros :

Negli ultimi 12 mesi, migliaia di cittadini di tutto il continente hanno discusso idee e preoccupazioni sull'Europa e hanno fatto proposte per il futuro dell'Unione Europea. Ora, questo esperimento unico di democrazia diretta chiamato Conferenza sul futuro dell'Europa è giunto al termine. Come giudica questo processo? È stato un successo, un mezzo successo o un fallimento?

"Beh, penso che quando abbiamo iniziato un anno fa, non c'erano molte persone che credevano nell'utilità della conferenza sul futuro dell'Europa. Nel frattempo, oltre al COVID, ci troviamo nel bel mezzo di una crisi enorme con la guerra in Ucraina. E tutti abbiamo visto che questa Unione Europea ha bisogno di essere riformata, per sopravvivere nel mondo di domani - sarà un mondo diverso - per difendere gli interessi dei nostri cittadini, e per agire più rapidamente, più decisamente di quanto abbiamo fatto in passato. "

Quali sono le proposte più interessanti?

"Per esempio una delle proposte principali è quella di porre fine ai diritti di veto nell'Unione. Quindi smettere con il voto all'unanimità e i processi decisionali. In nome dell'unanimità, si agisce sempre troppo poco e troppo tardi come nel caso della crisi finanziaria e della crisi migratoria. È successo anche con il COVID. E in questo periodo di guerra è un problema serio. Quindi quello che dobbiamo fare è abolire tutto ciò e introdurre un sistema di voto a maggioranza semplice o qualificata su ogni argomento per poter agire più velocemente che in passato".

Per questo è necessario un cambiamento del trattato. Come vede le possibilità di ottenerlo?

"Beh, quello che so è che il Parlamento europeo si assumerà la sua responsabilità. Quindi chiederemo una modifica del trattato. "

E le questioni sociali? Posti di lavoro, alloggi, assistenza sanitaria. Cosa dicono i cittadini?

"Vogliono che l'Europa abbia competenze anche su questo, per avere una base sociale, un minimo sociale creato e garantito dall'Europa in tutto il territorio dell'Unione : per quanto riguarda la migrazione, i cittadini si sono espressi per una strategia globale per risolvere il problema migratorio a livello europeo, con una migrazione legale, la lotta contro quella illegale, soluzioni per i rifugiati, per i rifugiati di guerra, ecc.

Qual è la sua raccomandazione più importante?

"Certamente quella delle forze armate comuni dell'Unione europea. Il fatto di avere una politica di difesa comune, perché si vede nella guerra in Ucraina che ci manca. Dobbiamo sapere che spendiamo più o meno 240 miliardi per la difesa in Europa; quattro volte più dei russi. 

Ma se si guarda alla situazione di oggi, non siamo abbastanza forti, certamente non senza l'aiuto dei nostri amici americani, per fare qualcosa

 Quindi, per me, il più grande spreco di denaro nell'Unione Europea sono 27 eserciti, duplicazione, duplicazione, duplicazione e non abbastanza efficaci".

Nell'ultimo decennio, la questione della democrazia e dello stato di diritto è stata in cima all'agenda dell'UE. Durante la conferenza, quando avete parlato di questo con i leader o le persone provenienti, per esempio, da Polonia e Ungheria e dal resto d'Europa, c'è stata un'intesa comune su questo tema?

"Bene, lo stato di diritto non è così difficile da capire. Ma il problema è che in alcuni paesi, i governanti, quelli che hanno la maggioranza in parlamento, pensano di poter fare quello che vogliono perché hanno la maggioranza. E questo non è lo stato di diritto. Ciò che è importante è che nella conferenza, sulla base delle proposte dei cittadini, abbiamo deciso di cambiare addirittura il trattato perchè tutto funzioni. Perché non possiamo avere all'interno della famiglia europea alcuni membri che pensano che il denaro sia importante ma i valori no".

Abbiamo la guerra in Ucraina da due mesi. Come cambia la percezione della gente sull'Europa? E la conferenza è stata in grado di riflettere su questo?

"Beh, la maggior parte dei panel dei cittadini si sono tenuti prima dell'inizio della guerra. Ma quello che abbiamo visto è che le conclusioni della conferenza si adattano molto bene alle nuove sfide che stiamo affrontando con la guerra in Ucraina. Stiamo parlando della fine dell'unanimità negli affari esteri, nella difesa. Stiamo parlando di un'unione energetica per creare il più velocemente possibile un'unione energetica che oggi non esiste in Europa. Non c'è un acquisto comune di energia, il mix energetico è ancora deciso a livello nazionale".

Quale direzione dovrebbe prendere l'Europa secondo i cittadini? Più Europa o meno Europa?

"I cittadini non stanno discutendo di questo in questi termini. Lei è un giornalista. Lei categorizza tutto. Io sono un politico. Faccio la stessa cosa. Tu sei di destra. Lei è di sinistra. Siete per più Europa o meno Europa. Sei euroscettico o filoeuropeo. I cittadini sono completamente diversi. Tutti i cittadini hanno più o meno la stessa opinione. A loro piace l'Europa. Pensano che l'Europa sia la soluzione per molti dei nostri problemi. Ma non gli piace co,e funziona oggi. Non pensano che l'Unione europea oggi sia la traduzione, dovrei dire, del loro desiderio europeo. E questo è il sentire comune dei cittadini sia di quelli che si definiscono euroscettici che dei filoeuropei. E questa è la grande lezione. La gente ama l'Europa, ha un sogno europeo. Pensano davvero che il futuro di questo continente sia nell'Unione Europea. Ma hanno molte perplessità su come funziona o non funziona oggi, "

Le forze nazionaliste e populiste in Europa stanno già criticando questa conferenza . Come vede queste critiche e queste voci sono state ascoltate durante la conferenza?

"Certamente perché tra i cittadini che sono stati presenti, c'erano persone più critiche sull'Europa, persone più scettiche sull'Europa. Erano tutti presenti. Ma dovevano esprimere una visione comune, proposte comuni. Quello che ho visto lì è che all'inizio la conferenza è piaciuta ai partiti di estrema destra. E poi quando hanno visto le proposte dei cittadini stessi, hanno cominciato a dire: oh, non è quello che vogliamo. Non ci piace più. Non è giusto nei confronti dei cittadini. I cittadini hanno parlato e noi dobbiamo prenderli sul serio e ascoltarli".