This content is not available in your region

L'evacuazione a tappe dei civili dall'acciaieria Azovstal

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews World - Ansa - Agenzie internazionali
euronews_icons_loading
Civili evacuati da Bezimenne, a circa 20 chilometri da Mariupol.
Civili evacuati da Bezimenne, a circa 20 chilometri da Mariupol.   -   Diritti d'autore  AP/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

Il corridoio umanitario, finalmente, ha funzionato. Ma il cessate il fuoco non è stato completamento rispettato. 

I civili evacuati dalla zona di Azovstal

Più di 120 civili sono stati evacuati dall'acciaieria Azovstal e dalle case adiacenti a Mariupol negli ultimi due giorni,  ha affermato lunedì il ministero della Difesa russo. Secondo Mosca il 30 aprile 25 persone hanno lasciato edifici residenziali adiacenti al perimetro dell'acciaieria e altre 21 persone hanno lasciato i fondaci dello stesso impianto. Un'operazione col contagocce che tuttavia corrisponde alle difficoltà di vario tipo sul campo. I civili sono stati consegnati alle Nazioni Unite e ai rappresentanti del Comitato internazionale della Croce Rossa e sono partiti in direzione della città di Zaporizhzhia grazie ad una colonna di autobus ed altri veicoli. Completata la parziale evacuazione i russi avrebbero ripreso a bombardare le postazioni  ucraini asserragliati in Azovstal. 

Nei giorni scorsi c'erano stati altri bombardamento sporadici.

il Ministero della Difesa russo ha diffuso i filmati dell'evacuazione dei primi civili dall'acciaiera Azovstal.

Altri filmati, diffusi dal Battaglione ucraino Azov, mostrano alcune delle 100 persone (80, secondo i russi) che sono state aiutate a lasciare le macerie dei loro rifugi sotterranei all'interno dell'acciaieria, prima di essere trasportate in autobus fuori da Mariupol, grazie anche al fondamentale contributo del comitato internazionale della Croce Rossa.

Planet Labs PBC/AP
Un'immagine satellitare dell'acciaieria Azovstal di Mariupol. (30.4.2022)Planet Labs PBC/AP

Zelensky: "L'evacuazione continua lunedì"

"Se ci saranno le condizioni necessarie",  aveva dichiarato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, "l'evacuazione dei civili continuerà lunedì".

"Dicevano che c'erano bandiere russe nelle nostre case..."

Le prime dichiarazioni dei civili liberati sono un po' controverse.

Una donna appena evacuata dall'acciaieria racconta:  "I militari del Battaglione Azov sono venuti nel nostro bunker e hanno detto che stavano cercando i nostri appartamenti... Hanno gridato, affermando che gran parte della città è filorussa. Ci hanno detto che erano entrati in molti appartamenti e avevano visto in quasi tutti la bandiera russa appesa... Per essere onesti, a casa mia non ho una bandiera russa e nemmeno una ucraina". 

Screengrab by AP video
Una donna appena liberata dall'acciaieria Azovstal.Screengrab by AP video

All'inizio del 68° giorno di guerra, Zelensky ha ringraziato l'Onu e la Croce Rossa per aver aiutato ad organizzare l'evacuazione.

"Oggi siamo finalmente riusciti a iniziare l'evacuazione dei civili da Azovstal" ha dichiarato domenica Zelensky.
"Dopo molte settimane di negoziati, dopo molti tentativi, molti incontri, molte telefonate.... Finalmente! Ma non c'è stato un solo giorno in cui non abbiamo cercato di trovare una soluzione che salvasse la nostra gente".

Screengrab by AP video
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky durante il suo più recente video.Screengrab by AP video

Ancora civili intrappolati nell'acciaieria

Si ritiene che 100.000 persone siano ancora bloccate a Mariupol, tra  queste un migliaio di civili e circa 2.000 combattenti ucraini sempre rintanati nei fondaci dell'acciaieria Azovstal che è molto estesa.

"Il 9 maggio? I nostri militari non pianificano
le azioni in base a una data. I ritmi dipendono dalle necessità di minimizzare i rischi per la popolazione civile e per i militari russi".
Serghei Lavrov
Ministro degli Esteri Russia