This content is not available in your region

A Carrara c'è il "Robot Scultore": ma le sculture non dovrebbero essere rigorosamente fatte a mano?

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari - Associated Press
euronews_icons_loading
Eccolo, il "Robot Scultore"...
Eccolo, il "Robot Scultore"...   -   Diritti d'autore  Screengrab by AP

A Carrara, nelle cave di marmo di Michelangelo Buonarroti, c'è il "Robot Scultore".

Un gigantesco braccio meccanico si muove lentamente verso un blocco di marmo bianco: la punta iper-tecnologica gira rapida e implacabile.

Getti d'acqua spruzzano costantemente per raffreddare la pietra, che viene delicatamente, ma inesorabilmente, consumata dalla lima di precisione.

Le sculture, ora, si fanno così

Ora le sculture si fanno cosi: il robot, chiamato BOT1, è stato creato da Robotor e dalla sua consociata Tor Art, aziende fondate da due imprenditori carrarini appassionati di marmo e arte, Giacomo Massari e Filippo Tincolini, per realizzare sculture di marmo, ma anche in plastica e legno.

Partendo da una fotografia o da un file tridimensionale inviato dall'artista, il software di Intelligenza Artificiale permette all'azienda di realizzare le statue commissionate da alcuni dei principali artisti del mondo: qui, insomma, nascono i nuovi capolavori.

Citiamo alcuni nomi degli artisti che si servono di Robotor? Maurizio Cattelan, Giuseppe Penone, Jeff Koons, Zaha Hadid, Tony Cregg, Marc Queen, Vanessa Beecroft e molti altri...

Screengrab by AP
A mano o con il robot? L'artista Gracia Arruiz Sanz al lavoro.Screengrab by AP

Il "Robot Scultore" produce pezzi che normalmente, ad uno scultore richiederebbero anni di certosino lavoro per essere completati e che, ora, possono essere realizzati in pochi giorni, risparmiando non solo tempo, ma anche permettendo di creare opere d'arte in un ambiente sicuro.

A Carrara fanno anche repliche perfette di reperti archeologici e statue danneggiate o distrutte, come una riproduzione in scala ridotta dell'Arco Monumentale di Palmira, in Siria, distrutto dall'Isis.

Sculture con il robot? No, a mano!

In molti, però, pensano che il "Robot Scultore" sia un'eresia, perchè credono che una scultura debba essere rigorosamente fatta a mano, con metodi tradizionali.

Carrara ha una lunga storia come centro di artigiani e scultori.

In un grande laboratorio nel centro della città, Diego Zampolini, presidente della Cooperativa Scultori di Carrara, non è convinto dell'uso dei robot per creare opere d'arte.

"Una scultura rifinita da un robot è una scultura morta, quella rifinita da un artigiano, per quanto mi riguarda, è una scultura viva, una scultura fresca, una vera scultura. Per me, una scultura non può essere fatta da un robot, perché deve essere fatta a mano, è qualcosa che deve essere fatto insieme dall'artigiano e dall'artista, ci deve essere assolutamente questa speciale simbiosi", dice Zampolini.

Screengrab by AP
"Una scultura non può essere fatta da un robot".Screengrab by AP

"Con il robot, la vita degli artisti cambia"

Ribatte Filippo Tincolini, co-fondatore di Robotor.

"Gli artigiani che non hanno ancora provato questa tecnologia sono diffidenti, con la paura che il loro lavoro o la loro opera vengano rubati. Ma dopo il primo approccio capiscono il potenziale, iniziano ad usarla e la loro vita cambia: perché possono lavorare di più e possono lavorare meglio".

Screengrab by AP
"Quando scoprono il robot, la vita degli artisti cambia".Screengrab by AP

"Per gli artisti, le nuove tecnologie sono indispensabili"

Giacomo Massari, l'altro co-fondatore di Robotor, è convinto che sia nell'interesse degli artisti "tradizionali" abbracciare la tecnologia, per avere successo nel mondo così competitivo dell'arte contemporanea.

"Possiamo dire che la robotica, per chi ne comprende il vero valore, ha un valore aggiunto. Questo perché aiuta gli artigiani nei loro sforzi fisici, permettendo loro di specializzarsi nelle rifiniture, che sono quelle che fanno la differenza, oltre a renderli competitivi sul mercato, che è estremamente esigente in termini di produzione, tempi e mostre. Quindi, chi vuole rimanere nel mondo della produzione dell'arte contemporanea, deve dotarsi degli strumenti tecnologici necessari".

Chi ha ragione?

Chissà cosa ne avrebbe pensato Michelangelo del "Robot Scultore"...