Frontiere Ue chiuse per le sanzioni: code di 80 km al confine polacco

Tir in attesa al confine fra Polonia e Bielorussia
Tir in attesa al confine fra Polonia e Bielorussia Diritti d'autore AP Photo/Sergei Grits
Di Giulia Avataneo
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Da sabato le frontiere dell'Ue sono chiuse al trasporto commerciale russo e bielorusso, con poche eccezioni. Un divieto che ha provocato lunghe code e attese fino a 30 ore per passare la dogana.

PUBBLICITÀ

La frontiera europea da domenica è sigillata per i camion di provenienza russa e bielorussa. È uno degli effetti delle sanzioni europee nei confronti di Mosca, entrate in vigore nella giornata di sabato. La scadenza imminente ha costretto centinaia di autisti dei due Paesi a mettersi in fila sui loro tir per lasciare il territorio dell'Unione, creando una coda lunga 80 chilometri al confine fra Polonia e Bielorussia. Tempo di percorrenza stimato: 33 ore nel momento del picco. lunghe code anche ai valichi di frontiera in Lituania e Lettonia. Improbabile che tutti gli autisti siano riusciti a uscire in tempo.

Le ritorsioni di Minsk

Ci sono poche eccezioni al divieto: sono esclusi i trasporti di medicine, posta o prodotti petroliferi. Da domenica, qualsiasi veicolo commerciale recante una targa russa o bielorussa non potrà più trasportare merci che non rientrino nelle categorie esentate.

La Bielorussia ha annunciato venerdì un provvedimento analogo nei confronti dei camion europei. Mentre al confine fra Polonia e Bielorussia, un punto già critico per la recente crisi dei migranti, si è tenuta una manifestazione in solidarietà con il popolo ucraino.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La guerra delle sanzioni: successo o fallimento?

Crolla il PIL russo ma Mosca non teme l'effetto delle sanzioni

Sanzioni alla Russia, le fratture tra i Paesi dell'Europa centrale