This content is not available in your region

Tashkent, nuova mecca dell'informatica orientale

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Manager IT a Tashkent
Manager IT a Tashkent   -   Diritti d'autore  AFP

All'ombra della statua dell'imperatore Tamerlano (condottiero mongolo che tra il 1370 e il 1405 conquistò l'Asia centrale e occidentale) si sta compiendo una piccola rivoluzione informatica a Tashkent. Nella capitale di una delle repubbliche ex sovietiche dell' Asia centrale si trasferiscono di buon grado molti esperti russi di Information Technologies a cui l'Uzbekistan offre allettanti opportunità di lavoro. 

La migrazione tecnologica

Vista la situazione in Russia e tutte le problematiche legate alla guerra in Ucraina, per alcuni si tratta di una vera e propria migrazione. Fra coloro che accolgono l'invito uzbeko abbiamo incontrato la manager Anastasia Markova che dalla Russia è venuta qui col marito ed opera nell' IT Park della capitale. "In effetti, la vita a Tashkent supera tutte le aspettative - ammette Markova -  Il paese ci ha spalancato le braccia. Le persone qui sono così cordiali e ospitali...".

I piani "glocal" di modernizzazione

Le autorità locali sperano di accelerare i piani per modernizzare un'economia famosa per la sua vasta produzione di cotone ed è noto che il settore del tessile sia ormai interamente informatizzato. L'Uzbekistan ha lanciato un programma di trasferimento governativo unico per specialisti e aziende. L'IT Park di Tashkent ospita circa 550 aziende ed è al centro dei piani per aumentare le esportazioni IT uzbeke a oltre 1 miliardo di dollari entro il 2028, un aumento di 25 volte rispetto alla cifra dell'anno scorso.

Il motto del parco, "START local and GO Global" è stato inciso su una facciata all'ingresso del complesso di uffici. Al suo interno il personale di supporto è giovane e veste in stile casual. L'IT Park registra già benefici dal programma di ricollocazione soprannominato TashRush - "un nome che sembrava più adatto al fenomeno a cui stiamo assistendo", ha detto il vicedirettore del parco Bakhodir Ayupov.

La migrazione vista da Mosca

L'Associazione moscovita delle comunicazioni elettroniche ha dichiarato il 22 marzo che da 50.000 a 70.000 specialisti hanno lasciato la Russia e fino a 100.000 altri potrebbero seguirli a breve. Per il momento, l'Uzbekistan è una destinazione meno popolare per i lavoratori IT russi in partenza rispetto a Georgia, Turchia o Armenia. Va anche detto che l'Uzbekistan è rimasto indietro rispetto ad altre nazioni ex sovietiche nello sviluppo del settore. Il paese ha recentemente combattuto la carenza di energia invernale, mentre i black-out elettrici non sono rari anche a Tashkent.