Chernihiv: distrutto il 70% degli edifici, 700 i morti tra civili e militari

Sopravvissuti ucraini
Sopravvissuti ucraini Diritti d'autore Evgeniy Maloletka/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Si tirano le somme dopo la ritirata russa: il sindaco della cittadina a 80 chilometri dal confine ucraino fa un bilancio dell'orrore come il suo collega di Makariv dove sono stati trovati 132 cadaveri con segni di tortura

PUBBLICITÀ

A Chernihiv rimangono circa 90mila persone, prima dell'attacco russo all'Ucraina i residenti erano 285mila. La città è devastata, i russi se ne sono andati lasciando macerie: mucchi di cemento e gente in fila per un tozzo di pane.

Per settimane la città, a 80 chilometri dal confine bielorusso, è stata assediata, ancora oggi con le infrastrutture distrutte, i rifornimenti sono difficili. Ancora più duro è superare lo shock: "Tutti si sono messi a gridare, tutti erano coperti di fumo e polvere. Poi qualcuno ha detto che eravamo stati colpiti da una bomba... Un vicino nel condominio distrutto era in bagno, vivo, ma sua moglie e la figlia, che si trovavano nel corridoio, sono morte subito".

I sindaci contano i morti dopo la ritirata dei russi

I morti di Chernihiv sono 700 tra civili e militari. Almeno il 70 % degli edifici in città è stato distrutto. Gente che prima viveva in pace non se ne capacità.

Valentina, mamma di una bimba di 9 anni parla dei "bambini della metropolitana"; "Niente elettricità, niente servizi igienici, le strade sono diventate bagni".

La gente, anche se i russi si sono ritirati spesso ha paura di uscire dai rifugi, ma è necessario farlo e mettersi in coda per l'indispensabile. "Non ci sono abbastanza rifornimenti - dice una donna - Da quanto ho capito, gli aiuti non ci sono ancora arrivati."

Si aggrava il bilancio di Bucha

A Chernihiv decine di corpi aspettano ancora di essere identificati, mentre le autorità locali comunicato che a Bucha, la città le cui strade erano disseminate di corpi dopo la ritirata russa, si aggrava il bilancio delle vittime: 360 tra cui 10 bambini.

Il ministro della difesa ucraino, infine, ha fatto sapere che a Makariv, sempre nei dintorni di Kiev, sono stati ritrovati 132 cadaveri con segni di tortura.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: missili su stazione ferroviaria nell'Est del Paese, si contano i morti

Ucraina: tutte le strade degli aiuti umanitari portano ad Odessa

Est Ucraina: offensiva russa in vista, le autorità esortano i residenti ad evacuare