Colloqui con Mogadiscio allo stallo, il Somaliland chiede il riconoscimento internazionale

Monumento all'Indipendenza - Somaliland, Hargeisa
Monumento all'Indipendenza - Somaliland, Hargeisa Diritti d'autore EDUARDO SOTERAS/AFP or licensors
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A oltre 30 anni dalla scissione dalla Somalia, il Somaliland chiede il riconoscimento internazionale: "Siamo un Paese che garantisce la stabilità della regione"

PUBBLICITÀ

Funziona, il meccanismo è rodato, ha una capitale, un'assemblea rappresentativa e un esercito. Batte persino moneta ma il Somaliland, nato nel 1991 dalla scissione dalla Somalia, è come se non esistesse.

Il leader del Somaliland, Muse Bihi Abdi, rilancia la sua richiesta di riconoscimento internazionale anche perché con Mogadiscio i colloqui sono allo stallo.

Abdi ha anche invitato gli Stati Uniti a dislocare una presenza diplomatica nella capitale Hargeisa, come altri Paesi già hanno fatto.

Muse Bihi Abdi, leader del Somaliland
AFPMuse Bihi Abdi, leader del Somaliland

Il Somaliland - 3 milioni di abitanti - è strategicamente situato nel Golfo di Aden. Nonostante la mancanza di riconoscimento internazionale, ha mantenuto il suo governo indipendente, riuscendo a tenere elezioni regolari nel corso degli anni, compreso il voto per il rinnovo del Parlamento del 2021.

In una regione assediata dalla violenza e dalla minaccia degli estremisti islamici, un Somaliland relativamente calmo nel Corno d'Africa è - secondo il suo leader - un partner che può garantire la stabilità nella regione.

Muse Bihi Abdi ha accusato che in un decennio di colloqui "la Somalia ha dimostrato una completa mancanza di interesse a un dialogo significativo", costringendo il Somaliland ad andare avanti con la sua richiesta di riconoscimento internazionale come Paese indipendente.

"Il dialogo non è riuscito a raggiungere i suoi obiettivi", ha dichiarato lunedì a Washington in un evento ospitato dalla Heritage Foundation, il think tank conservatore.

Secondo Kevin Roberts, presidente della Heritage Foundation, "questo territorio ha mantenuto un sistema e un processo democratico per tre decenni. Non è stato perfetto, proprio come nessun sistema è perfetto - ha detto - ma il Somaliland è rimasto fedele alla democrazia senza che nessuno se ne accorgesse".

"Perseguiremo tutte le strade disponibili per affermare l'autonomia de nostro territorio" ha detto Abdi, presidente del Somaliland dal 2017.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il porto di Berbera, porta fra l'Africa e il mondo

Somaliland sull'orlo della carestia

Somalia, oltre 100 morti dovuti alle forti inondazioni