This content is not available in your region

La preghiera del Papa per l'Ucraina: "Chi fa la guerra dimentica l'umanità"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Papa Francesco all'Angelus
Papa Francesco all'Angelus   -   Diritti d'autore  VINCENZO PINTO/AFP or licensors

Ricondurre la guerra al dolore, alla violenza sulla gente comune, alla morte di soldati e civili.
Nessuna metafisica del conflitto è possibile, nessuna giustificazione.
Dalla finestra del palazzo apostolico, all'Angelus, Papa Francesco rilancia il suo appello per fermare il bagno di sangue in Ucraina.

"Chi fa la guerra dimentica l'umanità, non sta con la gente, non si interessa della vita concreta delle persone, ma mette davanti a tutto l'interesse di parte del potere. Si affida alla logica diabolica e perversa delle armi e in ogni conflitto la geche è la più lontana dalla volontà di Dio. E si distanzia dalla gente comune che in ogni conflitto è la vera vittima".

Penso agli anziani, a quanti cercano rifugio, alle mamme in fuga con i loro bambini. Sono fratelli e sorelle per i quali è urgente aprire corridoi umanitari e che vanno accolti
Papa Francesco

Lo sguardo all'Ucraina, dunque, ma anche alle guerre che dilaniano Siria, Yemen, Etiopia.

"Chi fa la guerra si affida a una logica diabolica", sottolinea il Pontefice che ribadisce: "Tacciano le armi, Dio sta con con gli operatori di pace, non con chi usa la violenza".

Bandiere gialloblù, le saluta il Pontefice: i colori dell'Ucraina campeggiano sotto le finestre del Papa, che in ucraino dice “Slava Isusu Chystu”, Sia lodato Gesù Cristo.

VINCENZO PINTO/AFP or licensors
Bandiere ucraine dal PapaVINCENZO PINTO/AFP or licensors

Il Pontefice rinnova  l'invito a fare, il 2 marzo, mercoledì delle Ceneri, una giornata di preghiera e di digiuno per la pace mentre i rintocchi delle campane rimandano a quelli che, in Ucraina , annunciano i bombardamenti.