This content is not available in your region

Zelensky torna a parlare agli ucraini: "come nell'attacco nazista del 1941"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Zelensky torna a parlare agli ucraini: "come nell'attacco nazista del 1941"
Diritti d'autore  AP Photo/Emilio Morenatti

Il sole sorge sull'Ucraina al suo secondo giorno di invasione russa: dopo una notte scandita dai lanci di missili sulla capitale, il presidente Volodymyr Zelensky è tornato a rivolgersi ai suoi concittadini, chiedendo loro di tener duro.

"Dicono che i civili non sono un obiettivo per loro, ma è una bugia" ha detto Zelensky. "Infatti, non fanno distinzione tra le aree in cui operare. Come ieri, i militari e i civili sono ugualmente sotto attacco. Lo scopo di questo attacco è fare pressione su di voi, cittadini dell'Ucraina, su tutta la nostra società"

"Solo la solidarietà e la determinazione degli ucraini possono preservare la nostra libertà e proteggere lo stato" ha proseguito il Presidente. "L'esercito, le guardie di frontiera, la guardia nazionale, la polizia, l'intelligence, le forze di difesa territoriale: tutti svolgono i loro compiti al massimo. È molto importante che oggi anche i nostri cittadini dimostrino la massima resistenza e il sostegno reciproco. Quelli che sono single, quelli che sono anziani. Aiutateli con il cibo. Aiutare a trovare un riparo quando c'è un allarme aereo. Aiutate con l'accesso alle informazioni ufficiali verificate"

"Fermate il nemico ovunque vediate. Il destino dell'Ucraina dipende solo dagli ucraini. Nessuno tranne noi stessi controllerà le nostre vite. Siamo sulla nostra terra, la verità è con noi. Non sarà possibile distruggere il nostro carattere. I missili di calibro sono impotenti contro la nostra libertà.I nostri ragazzi e ragazze - tutti i difensori dell'Ucraina - non hanno permesso al nemico di realizzare il piano operativo di invasione il primo giorno. Gli ucraini mostrano un vero eroismo. Il nemico è stato fermato nella maggior parte delle direzioni e si continua a combattere"

Come nel 1941

Zelensky ha paragonato gli avvenimenti delle ultime 24 ore alla battaglia combattuta a Kiev nel settembre 1941, quando la Wehrmacht accerchiò le forze dell'Armata rossa catturando la città dopo combattimenti estenuanti.

Emilio Morenatti/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved
Kiev, Ucraina, venerdì 25 febbraio 2022: la disperazione di Natali Sevriukova vicino alla sua casa colpita da un attacco missilisticoEmilio Morenatti/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved

"Le terribili esplosioni nel cielo mattutino sopra Kiev, i bombardamenti che colpiscono le case, gli incendi: tutto questo ricorda il primo attacco del genere sulla nostra capitale, che avvenne nel 1941. L'attacco della Russia continua con l'aspettativa che le nostre forze siano stanche. Ma nessuno è stanco. Le forze di difesa aerea dell'Ucraina stanno proteggendo i nostri cieli, per quanto è possibile. Gli aerei nemici operano ferocemente sopra le zone residenziali, compresa la capitale".

Il Presidente ucraino si è inoltre rivolto, parlando in russo, alle centinaia di manifestanti che nelle città russe hanno protestato contro l'aggressione, venendo in molti casi arrestati

"A tutti i cittadini della Federazione Russa che escono a protestare voglio dire: vi vediamo. Questo significa che ci avete sentito. Questo significa che cominciate a fidarvi di noi. Combattete per noi. Combattete contro la guerra"