This content is not available in your region

Il presidente Zelenskyy parla alla Camera dei Comuni: "Non ci arrendiamo"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Il presidente Zelenskyy parla alla Camera dei Comuni: "Non ci arrendiamo"
Diritti d'autore  AP/Ukrainian Presidential Press Office

Westminster incassa il bollettino di guerra. Un resoconto puntuale, quello del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, collegato in videoconferenza con la Camera dei Comuni britannica, che gli tributa una standing ovation: aggressioni subite, attacchi a bersagli civili, il dramma di 50 bambini rimasti uccisi dall'inizio dell'invasione russa.

"Non vogliamo perdere quello che abbiamo, quello che è nostro, il nostro paese, l'Ucraina - dice Zelenskyy - proprio come voi non volevate perdere il vostro paese quando i nazisti hanno iniziato a farvi la guerra e avete dovuto combattere per la Gran Bretagna. I nostri soldati, che sono degli eroi, hanno continuato a combattere anche quando i russi ci dicevano di deporre le armi. I civili hanno protestato e hanno cercato di bloccare i carri armati con i loro corpi".

Il presidente ucraino ha chiesto di riconoscere la Russia come uno stato terrorista e ha sollecitato l'inasprimento delle sanzioni e la no fly zone nei cieli ucraini.

Dopo l'intervento del presidente ucraino, il premier britannico Boris Johnson ha ribadito il sostegno forte a Kiev, facendo fronte comune con gli Stati Uniti sull'embargo al petrolio russo, che rappresenta l'8 percento circa del fabbisogno complessivo del paese. Il governo britannico ha detto di voler azzerare le importazioni entro la fine dell’anno.

Ma il sostegno al popolo ucraino si traduce anche nell'invio di armi ed equipaggiamento per consentire alle truppe ucraine di resistere all'avanzata russa: "La Gran Bretagna, insieme con i suoi alleati, è determinata ad andare avanti, ad andare avanti nel garantire ai nostri amici ucraini le armi di cui hanno bisogno per difendere la loro patria, come meritano".

Impiegheremo ogni metodo possibile, diplomatico, umanitario ed economico, presidente Zelenskyy, fino a quando Vladimir Putin non avrà fallito in questa disastrosa impresa e l'Ucraina sarà di nuovo libera
Boris Johnson
premier britannico

Intanto, un decreto firmato in queste ore dal presidente russo Putin dà mandato al governo di stilare entro due settimane una lista di Paesi per i quali saranno vietati i movimenti di export e import: una misura - riporta l'agenzia Tass - per salvaguardare la sicurezza della Russia.