EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

In fuga dalla guerra. Decine di migliaia i rifugiati ucraini in Polonia e Romania

Rifugiati dall'Ucraina
Rifugiati dall'Ucraina Diritti d'autore AUREL OBREJA/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore AUREL OBREJA/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Di Giulia Avataneo
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I rifugiati stanno lasciando l'Ucraina con ogni mezzo: pullman, auto, treni sono presi d'assalto. E c'è chi parte a piedi, con i bambini e quel poco che si riesce a far stare in valigia

PUBBLICITÀ

In auto, pullman o treno. Ma anche a piedi, con i bambini in braccio e le valigie. Con ogni mezzo gli ucraini nelle ultime ore stanno cercando di mettersi al riparo dalla guerra che minaccia tutto il Paese.
Sono circa 70mila i rifugiati arrivati in Polonia nelle ultime ore, prima che il presidente Zelensky imponesse la legge marziale che vieta loro anche di lasciare l'Ucraina.
In tanti aspettano accampati in stazione, alle fermate degli autobus, ancora increduli di aver dovuto lasciare casa così all'improvviso.

"Una telefonata nel cuore della notte"

"Sono stato svegliato nel cuore della notte da una telefonata dei miei amici - racconta Andry Borysov - Mi hanno avvisato delle prime azioni militari contro l'Ucraina. Ci siamo messi d'accordo all'ultimo per incontrarci alla stazione e capire dove saremmo potuti andare. Non avevamo pensato seriamente a organizzarci".

A Przemyśl, 30 chilometri di auto dal confine ucraino, la popolazione polacca assiste all'arrivo massiccio di cittadini da oltre la frontiera.

"È inquietante - dice un residente locale, Maxim Nakochin - Prima di tutto perché in tutta la vita non ho mai visto la guerra così vicina a noi, alla Polonia, a Pzemysl. Quindi è abbastanza terrificante".

La guerra alle porte

A una fermata di autobus nella città polacca sud-orientale di Medyka in tanti si chiedono come proseguire il loro viaggio. Vitalii è un informatico di 30 anni scappato con la moglie e un figlio piccolo.

"Siamo partiti lasciando i nostri due cani alle cure di un amico perché non abbiamo fatto in tempo a fargli un passaporto o un permesso. Stiamo valutando cosa fare dopo. Forse raggiungeremo a Wrocław, a ovest, per fermarci un attimo e decidere cosa fare".

La Polonia sta attrezzando centri di accoglienza per sostenere gli ucraini che attraversano il confine. Anche la Romania ha accolto migliaia di persone nelle ultime ore. Attraversano i valichi di frontiera con il poco che sono riusciti a infilare in valigia. I rumeni si fanno trovare in macchina per dare loro un passaggio.

Ma ci sono anche spostamenti in direzione contraria. Ucraini che vivevano in Polonia e stanno rientrando per ricongiungersi alle famiglie e difendere il Paese.

C'anche chi torna in Ucraina

"Questo è mio padre Vadim - dice un ragazzo - Anche lui è di origine polacca. Sta tornando in Ucraina per difenderla, per difendere tutto. Io sono suo figlio. In Ucraina) sono rimasti mia madre, mio fratello e mia sorella. Combatteremo".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Eurogruppo pesa l'impatto della guerra in Ucraina

Accordo di cooperazione e difesa Kiev-Varsavia, Tusk: "Chi difende l'Ucraina difende sé stesso"

Guerra in Ucraina, Tusk: "Stiamo entrando nell'era prebellica"