This content is not available in your region

Rivoluzione in Africa, laboratori ospitati in container per produrre il vaccino anti covid

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Rivoluzione in Africa, laboratori ospitati in container per produrre il vaccino anti covid
Diritti d'autore  AP Photo

La tedesca BioNTech, che insieme a Pfizer ha sviluppato il primo vaccino mRNA contro il coronavirus, ha presentato unità mobili di produzione di vaccini in container, con il preciso obiettivo di a portare la produzione direttamente in Africa.

"La domanda era: possiamo rendere il processo abbastanza compatto così da poterlo far stare in un contenitore" ha dichiarato il ceo e cofondatore di Biontech, Ugur Sahin.

Il produttore di vaccini mira a iniziare a creare il "primo impianto di produzione nell'Unione africana" a "metà del 2022", ha affermato il gruppo in una nota.

La compagnia ha detto che prevede di spedire i già ribattezzati biontainers in Ruanda e in Senegal.

Il presidente ruandese Paul Kagame e il suo omologo senegalese Macky Sall erano presenti a Marburg, in Germania, all'annuncio nel ito di produzione di Biontech, presente anche il presidente del Ghana Nana Akufo-Addo e al capo dell'Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus.

L'Africa è il continente meno vaccinato della terra. A più di un anno dalla somministrazione dei primi vaccini contro il coronavirus e due anni dall'inizio della pandemia, poco meno del 12% degli africani ha completato il percorso vaccinale.

All'inizio di questo mese, la società sudafricana Biologics ha annunciato di aver prodotto il primo vaccino contro il coronavirus del continente basato sulla tecnologia mRna, utilizzando il codice genetico disponibile utilizzato da Biontech e Moderna.

Il Sudafrica potrebbe entrare a far parte dell'elenco dei destinatari dei laboratori mobili, ha affermato Biontech.

Un laboratorio è composto da 12 container e si divide in due moduli, uno per la produzione di mRna e l'altro per il siero del vaccino, solo in seguito i partner locali si occuperanno di riempire le fiale.

L'apertura di una nuova fabbrica secondo gli standard odierni richiede circa tre anni. Ci vorranno, invece, 12 mesi prima che le prime dosi prodotte dai laboratori mobili iano disponibili.

I contenitori potrebbero essere utilizzati anche per produrre vaccini contro la malaria basati sulla tecnologia Mrna. I dipendenti di Biontech formeranno allo stesso tempo il personale in loco per consegnare, più in là, le chiavi dei laboratori mobili.

Per il momento non si rinuncerà ai brevetti, anche se molti Paesi e Ong spingono in questa direzione.

"I brevetti non sono tutto - ha detto Sahin - Quando installiamo la tecnologia e la consegniamo a un partner, questo otterrà anche la licenza per utilizzarla".