This content is not available in your region

Papa Francesco si smarca sul celibato clericale: "è un dono"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Papa Francesco si smarca sul celibato clericale: "è un dono"
Diritti d'autore  Gregorio Borgia/The Associated Press

Chi si aspettava aperture rivoluzionarie rimarrà deluso: la tanto attesa conferenza vaticana sul futuro del sacerdozio si apre infatti con una decisa apologia del celibato clericale da parte di Papa Francesco. 

"Un dono", l'ha definito Bergoglio, smarcandosi così dal pressing che negli ultimi mesi era arrivato da diversi sacerdoti europei, che si erano detti favorevoli a un allentamento del vincolo.

"La distorsione della vocazione - ha detto il Pontefice -  avviene ogni volta che dimentichiamo che la vita sacerdotale è dovuta agli altri: al Signore e alle persone che ci ha affidato. Dimenticare questo è alla radice del clericalismo e delle sue conseguenze. E il clericalismo è una perversione".

L'organizzatore della conferenza, il cardinale Marc Ouellet, aveva infatti chiarito che lo scopo del simposio era abbattere un concetto "clericalizzato" del sacerdozio, che è ragione di molti scandali. Ouellet ha denunciato quei sacerdoti che hanno assunto un posto perverso di potere sul loro gregge, mentre la chiesa dovrebbe rappresentare  il "popolo di Dio".

Tale distorsione ha creato una crisi in cui "gli abusi sessuali sono solo la punta visibile e perversa dell'iceberg", ha detto Ouellet. Ha citato gli abusi di potere, di coscienza e spirituali, come altri comportamenti "depravati" dei sacerdoti.

Dal canto suo, Bergoglio non ha menzionato gli scandali legati a pedofilia e abusi sessuali: ma il tema, menzionato da Ouellet, resta inevitabilmente sullo sfondo della conferenza. 

Proprio lo scorso martedì, una campagna di pressione è stata lanciata affinché anche in Italia si indaghi a fondo su eventuali insabbiamenti come già avvenuto in Germania ed altri paesi