This content is not available in your region

Test nucleari francesi in Algeria. 62 anni dopo il caso approda al tribunale dell'Aia

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Il luogo dell'esercitazione
Il luogo dell'esercitazione   -   Diritti d'autore  Euronews

Sono passati 62 anni dal primo test nucleare francese a Reggane, nel Sahara algerino. Decenni dopo, gli abitanti della regione vivono ancora sulla loro pelle gli effetti di quei test .

'Processo' alla storia

Oggi un avvocato algerino e attivista dei diritti umani Fatma Zohra Benbraham ha presentato una denuncia contro le autorità francesi davanti alla Corte penale internazionale dell'Aia, puntando il dito contro  la Francia che non vuole riconoscere che i test hanno avuto un impatto su un'area di 700 km di diametro

La località di Reggane ha ancora un alto tasso di malati di cancro, persone che soffrono di ipertensione e numerosissimi casi di malformazioni e altre patologie,  eredità di questi test della Francia coloniale.

Dopo quel giorno, i francesi hanno lasciato la regione per tornare in Francia, e noi siamo rimasti lì. E io quel giorno ho perso la vista.
una drammatica testimonianza

I test nucleari nel deserto algerino sono durati poi per altri 6 anni, fino al 1966.

La serie Reggane rientra in un gruppo di 4 test  atomici condotti dalla Francia tra il febbraio 1960 e l'aprile 1961, verso la fine della guerra d'indipendenza algerina.

Le bombe furono fatte esplodere al centro di sperimentazione militare sahariano vicino a Reggane. 

Una serie di 13 test nucleari sotterranei e 5 test nucleari atmosferici furono condotti nelle montagne dell'Hoggar vicino a In-Ekker tra novembre 1961 e febbraio 1966.