This content is not available in your region

Georgia, la solitudine degli anziani. Cosa fare e come porvi rimedio?

Access to the comments Commenti
Di Euronews Georgia
euronews_icons_loading
Georgia, la solitudine degli anziani. Cosa fare e come porvi rimedio?
Diritti d'autore  Photo : Shakh Aivazov (AP)

Quando la moglie, i figli, i nipoti e gli amici non hanno tempo per lui, Nodar Ghonikashvili, 70 anni, viene qui, in questo parco di Tbilisi. Ha scoperto che non è sempre facile trovare qualcuno con cui parlare e condividere le notizie del giorno, qualcuno che possa dedicargli un po' di tempo

Racconta Nodar:
"Immaginate, ho delle informazioni e ho bisogno di condividerle... Più informazioni hai e più vuoi parlarne con qualcuno. A volte mio nipote non vuole sentire le mie storie. Certo, parliamo, mi chiede delle cose ogni tanto... Ma comunque, io e lui, la pensiamo diversamente. Naturalmente c'è il senso di solitudine, spessoi. Ognuno ha i suoi problemi, tutti sono occupati".

A Tbilisi c'è un centro diurno per anziani più conosciuto degli alti. A causa della pandemia ora è temporaneamente chiuso. Ogni giorno il personale organizzava diverse attività per circa 30 anziani, per ricordare loro che non sono soli e che la loro vita è importante. Nodar Ghonikashvili ci andava spesso e spera di poterci presto andare ancorai...

Inga Chkheidze è la responsabile del programma sociale al centro diurno per anziani di Tbilisi:
"Qui non è così scontato per gli anziani avere una propria attività, imparare qualcosa di nuovo a questa età. Si vergognano un po', dicendo: A che serve imparare? Sono troppo vecchio per lavorare, troppo vecchio per vestirmi bene per andare lavorare. La maggior parte delle persone qui rischia di lasciarsi un po' andare".

Nel 2021 il Fondo delle Nazioni unite per la popolazione (Unfpa) e l'University college di Londra hanno condotto un sondaggio in 20 paesi dell'Asia centrale e dell'Europa orientale. I partecipanti al sondaggio avevano un'età compresa tra i 65 e gli 85 anni, e quasi il 20% di loro ha dichiarato di soffrire di solitudine.

Secondo lo studio, l'isolamento causato dalla pandemia ha complicato ulteriormente la situazione.

Spiega il sociologo Iago Katchkatchishvili:
"La situazione negli stati post-sovietici è più drammatica che nel resto dell'Europa dell'Est. Questo perché lì almeno i programmi sociali per gli anziani sono più sviluppati. Questo è il motivo per cui abbiamo questa differenza, una differenza a livello di politica statale in termini di trattamento degli anziani".

I ricercatori ritengono che la soluzione a questo problema dovrebbe essere lo sviluppo di una politica da parte del governo della Georgia, incentrata sulla protezione dei diritti, della salute e della dignità dei suoi cittadini più anziani.