This content is not available in your region

Verso un Mattarella Bis. Il Presidente ha dato la sua disponibilità

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Si moltiplicano gli appelli a un Mattarella Bis
Si moltiplicano gli appelli a un Mattarella Bis   -   Diritti d'autore  VINCENZO PINTO/AFP or licensors

Draghi al termine di un colloquio con Mattarella: "Resti per il bene del Paese"

Strada spianata per il Mattarella Bis. Dopo il frenetico giro di consultazioni, avviato in seguito al colloquio in mattinata fra Draghi e lo stesso Capo dello Stato, Mattarella ha fatto sapere di essere a disposizione. A confermarlo è stata la SVP Julia Unterberger, dopo la riunione al Quirinale, a cui aveva partecipato insieme agli altri capigruppo. In corso dalle 16.30 il voto che dovrebbe risultare decisivo. Primo a evocare l'ipotesi era stato a inizio mattinata Matteo Salvini, che aveva constatato l'impossibilità di trovare un accordo in Parlamento. "Il Presidente resti - l'appello che aveva allora lanciato -. E con lui Draghi a Palazzo Chigi e la squadra di governo". A ufficializzare la svolta, poco dopo, era stato il premier Mario Draghi al termine di un colloquio di mezz'ora con il Capo dello Stato: "Resti per il bene del Paese", aveva detto.

Ottimismo trasversale: "Oggi si chiude". Letta: "Bella giornata per l'Italia"

Immediata la reazione delle forze politiche, con un vertice di maggioranza convocato dopo le parole di Draghi da cui è emerso l'accordo sulla riconferma del Capo di Stato uscente. Pronta anche la reazione di Pierferdinando Casini, che ha chiesto di ritirare il suo nome dalla rosa dei candidati e invitato a riconfermare Mattarella. "Credo che per lui sarà un prezzo molto alto da pagare ma gli chiediamo questo supplemento di responsabilità nell'interesso del Paese", ha detto. Il segretario del PD Enrico Letta prende atto del "blocco della politica", ma parla di "bella giornata per l'Italia e per la politica italiana". "Non perché abbia risolto i suoi problemi - ha detto -, ma perché ormai è più consapevole e può iniziare a risolverli". "Stasera si chiude", il commento di Matteo Renzi, già a fine mattinata. A sbilanciarsi sulla tempistica, negli stessi minuti era anche il senatore PD Andrea Marcucci: "Oggi pomeriggio rieleggeremo un grande presidente - scriveva su Twitter, aggiungendo gli eloquenti hashtag: Mattarella e Quirinale.

Meloni contro: "Neanche il Gattopardo. Qui siamo al nulla cambi, perché nulla cambi"

Unica voce fuori dal coro è Fratelli d'Italia, che ha già annunciato non voterà Mattarella. Giorgia Meloni parla di "anomalia" e di "Parlamento delegittimato". Citando Tomasi Di Lampedusa, ha poi detto: "Neanche il Gattopardo. Qui siamo al nulla cambi, perché nulla cambi". Parole che, insieme alle voci di imminenti dimissioni del ministro leghista Giorgetti, portano alle valutazioni sull'impatto che questo scenario avrà sugli equilibri politici, del centrodestra in particolare. In proposito, la frecciata di Matteo Renzi: "Sono molto contento per l'Italia. Chi poteva utilizzare questa occasione per ottenere la leadership politica che rivendicava da mesi non è invece riuscito nel suo intento - ha detto -, ma questo riguarda il centrodestra".

L'ottimismo del senatore PD, condivisa anche da Renzi: "Oggi chiudiamo"
GUGLIELMO MANGIAPANE/AFP
Draghi al termine di un colloquio con Mattarella: "Resti per il bene del Paese"GUGLIELMO MANGIAPANE/AFP