EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Sparatoria nel campus di Heidelberg: il 18enne voleva compiere una strage

Sparatoria nel campus di Heidelberg: il 18enne voleva compiere una strage
Diritti d'autore Michael Probst/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Michael Probst/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Di Cinzia Rizzi Agenzie:  ANSA
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un ultimo messaggio inviato al padre prima della tragedia: "Ora le persone devono essere punite"

PUBBLICITÀ

"Ora le persone devono essere punite". Sarebbe questo l'ultimo messaggio Whatsapp inviato dall'autore della sparatoria di lunedi in un campus universitario di Heidelberg, in Germania, durante la quale una giovane è morta e altre tre persone sono rimaste ferite. Il destinatario era il padre del 18enne, che secondo le prime indagini, stava pianificando un vero e proprio bagno di sangue.

L'ex studente, un tedesco residente a Mannheim, aveva infatti nello zaino oltre 100 proiettili. La polizia sta cercando di capire come il ragazzo, che non aveva il porto d'armi, abbia potuto procurarsi fucile da caccia e munizioni, acquistati all'estero.

Sembra escluso il movente politico o religioso

Sconosciuto alle forze dell'ordine e senza precedenti penali, il 18enne lunedì ha fatto irruzione in un'aula della facoltà di medicina, sprando in testa a una giovane studentessa di 23 anni, morta poche ore dopo a causa delle gravi ferite riportate. Dopo essere scappato dall'aula, ha rivolto l'arma contro di sé e si è tolto la vita. "È troppo presto per parlare di un movente", ha detto il procuratore Andreas Herrgen, ma per ora sembrano escluse motivazioni politiche o religiose.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Ci stanno sparando addosso": due agenti di polizia uccisi in Germania, caccia agli assassini

Gaza, non si fermano le proteste: a Tel Aviv per gli ostaggi, a Los Angeles contro l'università

Manifestazioni pro-Palestina in Europa: tende anche nelle università italiane