This content is not available in your region

I paesi UE vanno per la loro strada con le pillole COVID mentre Bruxelles riflette

Access to the comments Commenti
Di Sandor Zsiros  & Alberto de Filippis
I paesi UE vanno per la loro strada con le pillole COVID mentre Bruxelles riflette
Diritti d'autore  thomas hansmann.fotograf/Pfizer

La Commissione europea è in trattative esplorative con le aziende farmaceutiche per acquisire i trattamenti antivirali, che possono essere assunti per via orale a casa.

La Commissione europea sta esplorando attivamente l'acquisto congiunto delle nuove pillole antivirali che possono essere assunte a casa per trattare il COVID-19 lieve e moderato, anche se alcuni paesi dell'UE stanno andando avanti con i propri accordi.

Le due pillole, Paxlovid di Pfizer e Molnupiravir di Merck (noto anche come Lagevrio), sono state propagandate come un passo rivoluzionario nella lotta contro il coronavirus poiché le varianti altamente contagiose di Omicron inviano numeri di infezioni a livelli record in tutto il mondo. Il medicinale impedisce la moltiplicazione del virus e riduce la gravità della malattia.

Le pillole anticovid sono state acquistate in USA

L'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha già emesso un parere ufficiale su come utilizzare entrambi i trattamenti: le pillole dovrebbero essere assunte due volte al giorno dagli adulti con COVID-19, il prima possibile dopo il test positivo ed entro cinque giorni dall'inizio dei sintomi .

Paxlovid combina due principi attivi che vengono forniti come compresse separate

Il parere dell'EMA non equivale all'autorizzazione all'immissione in commercio, che è il risultato di una revisione continuativa più lunga. Il consiglio, tuttavia, funge da guida per quei paesi dell'UE che decidono di utilizzare le pillole come trattamento di emergenza per affrontare alti tassi di infezione e mortalità.

Alcuni Stati membri, tra cui Germania, Belgio, Italia e Grecia, sono in contatto con le aziende farmaceutiche per acquistare le dosi e distribuirle tra le loro popolazioni. La Germania ha ordinato 1 milione di dosi da Pfizer, mentre il Belgio intende acquistare 10.000 dosi da ciascuna azienda.

Nel frattempo a Bruxelles, la Commissione europea è in "colloqui esplorativi" con gli sviluppatori ed è "pronta a negoziare" nuovi contratti di appalto congiunto, anche se nessun accordo è stato ancora firmato, ha confermato un portavoce a Euronews.

"La decisione di avviare una procedura di appalto viene presa dai paesi partecipanti, quando almeno quattro paesi e la Commissione concordano di procedere", ha osservato il funzionario.

Non sono state fornite informazioni più dettagliate a causa delle regole di riservatezza.

Terapie promettenti

Lo schema comune per le pillole antivirali dovrebbe seguire l'esempio dell'acquisto di vaccini COVID-19: allora, la Commissione ha firmato contratti con i produttori di farmaci per conto dei 27 Stati membri al fine di garantire una distribuzione equa e conveniente in tutto il blocco .

L'esecutivo ha affermato che il suo potere negoziale in quanto mercato unico di 450 milioni di cittadini ha consentito all'UE di ottenere dosi a un prezzo basso e uniforme.

Nonostante un avvio anticipato, il programma vaccinale è ora considerato un successo, avendo erogato più di un miliardo di dosi da dicembre 2020. Tuttavia, la diffusione disparata del vaccino tra gli Stati membri, in particolare in alcuni paesi orientali, ha intaccato i risultati finali.

I colloqui per le pillole antivirali seguono un appello dei leader dell'UE durante un vertice di persona lo scorso dicembre. "L'attuazione della strategia dell'UE sulle terapie per il Covid-19, compresi gli appalti congiunti, dovrebbe essere portata avanti", hanno affermato i leader.

La Commissione aveva precedentemente identificato 10 promettenti terapie per curare i pazienti con coronavirus, un elenco che includeva le tre pillole antivirali, tra cui Pfizer, Merck e AT-527 di Atea Pharmaceuticals e Roche.

Le autorità di regolamentazione nel Regno Unito e negli Stati Uniti hanno già autorizzato le pillole Pfizer e Merck e i pazienti possono accedere al trattamento negli ospedali e nelle farmacie dietro prescrizione medica. Gli Stati Uniti hanno ordinato 20 milioni di pastiglie Pfizer. Per il primo ordine di 10 milioni di pasti, firmato a novembre, il governo americano ha pagato 5,29 miliardi di dollari.

"Stiamo discutendo con [oltre] 100 governi in tutto il mondo per quanto riguarda gli accordi di fornitura per Paxlovid, tra cui la Commissione europea e i governi europei. Sono già in vigore accordi con più paesi", ha detto a Euronews un portavoce di Pfizer.

"Il nostro obiettivo è fornire questa terapia antivirale orale il prima possibile, soggetta all'autorizzazione normativa del paese e in linea con gli accordi di fornitura".

Secondo uno studio condotto dall'azienda, la pillola antivirale COVID-19 di Pfizer riduce il ricovero e la morte nei pazienti ad alto rischio di quasi il 90%.

I risultati superano il successo del prodotto Merck, che si stima riduca le malattie gravi o la morte di circa il 30%, rispetto a un calcolo precedente del 50%. Il deludente declassamento di Merck ha portato la Francia a cancellare un ordine iniziale di 50.000 dosi.