This content is not available in your region

Russia-Ucraina: appelli al dialogo dalle diplomazie europee

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Russia-Ucraina: appelli al dialogo dalle diplomazie europee
Diritti d'autore  AP Photo

Più o meno tutti d'accordo che la diplomazia sia la strada da perseguire, ma nel frattempo le **truppe russe sono schierate lungo il confine ucraino e a est dell'Europa la Polonia ofre il pieno sostegno a Kiev. **

Mentre Mosca sposta le sue pedine, il capo della diplomazia russa Sergei Lavrov rilancia dunque sul dialogo da una posizione di forza.
Sulla stessa linea i leader europei, ma la premessa è diversa: "Qual è il fattore di deterrenza dell'Unione europea? Dobbiamo riflettere su questo, perché, abbiamo missili, navi, cannoni, eserciti? Al momento no", sottolinea il premier Mario Draghi.

Dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che la Russia è pronta a compiere manovre militari, la ministra degli Esteri Annalena Baerbock invita a tornare al tavolo:"Ho ripetuto più volte quanto sia importante tornare al tavolo dei negoziati - dice Baerbock - garantire che possiamo evitare un'ulteriore escalation perché questa grave crisi in cui ci troviamo può essere risolta solo attraverso il dialogo".

I capi dei servizi diplomatici americani ed europei Antony Blinken e Josep Borrell hanno anche concordato che qualsiasi possibile soluzione dovrà essere adottata attraverso il confronto. Un confronto fissato in avvio di anno. 

Il ministro degli affari esteri russo Lavrov ha annunciato che i primi colloqui Russia-Stati Uniti e Russia-Nato sulle garanzie di sicurezza richieste da Mosca sullo sfondo della crisi in Ucraina sono attesi a gennaio. Al centro delle discussioni il no di Mosca dispiegamento di armi in territorio ucraino.