EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Paragona vaccinazione all'Olocausto: giudice ordina al deputato di rimuovere i tweet

Thierry Baudet, leader del partito populista di destra Forum for Democracy, si rivolge al parlamento all'Aia, Paesi Bassi, venerdì 2 aprile 2021
Thierry Baudet, leader del partito populista di destra Forum for Democracy, si rivolge al parlamento all'Aia, Paesi Bassi, venerdì 2 aprile 2021 Diritti d'autore Peter Dejong/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Peter Dejong/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Di Euronews Agenzie:  AP
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

È successo in Olanda: protagonista della vicenda è Thierry Baudet, leader di una formazione populista che già in precedenza aveva spesso fatto parlare di sé

PUBBLICITÀ

È diventato un vero e proprio topos dei movimenti no-vax in tutto il mondo: paragonare le campagne vaccinali all'Olocausto e le restrizioni per i non vaccinati alle vessazioni naziste è ormai un argomento onnipresente nella retorica degli anti-vaccinisti, nonché uno di quelli che più mettono a dura prova i nervi di tutti gli altri.

Tanto che la proverbiale mosca al naso stavolta è saltata a un giudice, che a un parlamentare no-vax ha letteralmente ordinato di rimangiarsi quanto aveva detto (o meglio, scritto).

È accaduto in Olanda, uno dei paesi in cui il movimento no-vax ha raccolto i consensi maggiori: protagonista della vicenda è Thierry Baudet, parlamentare e leader degli euroscettici del Forum per la Democrazia, che già in passato si era definito "il più importante intellettuale d'Olanda".

Al leader d'estrema destra, il cui partito detiene cinque seggi nel parlamento olandese, il Tribunale di Amsterdam ha concesso 48 ore di tempo per cancellare quattro tweet in cui metteva a paragone le misure anti-covid e il trattamento riservato agli ebrei sotto il regime nazista.

Secondo il giudice, che ha accolto l'esposto di due organizzazioni ebraiche e di un gruppo di sopravvissuti all'Olocausto, i messaggi erano rei di "strumentalizzare le sofferenze degli ebrei".

In uno dei tweet in questione, Baudet aveva ribattezzato, per l'appunto, i non vaccinati come "nuovi ebrei". 

"Gli esclusionisti e quelli che si girano dall'altra parte - aveva inoltre scritto il parlamentare - sono invece i nuovi nazisti e i membri della NSB" ( l'acronimo del ramo olandese del partito nazista, nda).

Baudet ha poi pubblicato due foto, una di fianco all'altra: da una parte un bambino che non può andare alla festa di San Nicola, popolare tra gli olandesi, e dall'altra un ragazzo del ghetto di Lodz in Polonia, con la stella di David sul braccio, prima della deportazione.

In un altro post, il leader populista aveva invece condiviso una foto del campo di concentramento di Buchenwald, domandando "com'è POSSIBILE non vedere come la storia si ripete".

"Il confronto fatto nei post contestati va oltre ciò che può essere giustificato nell'interesse di un robusto dibattito pubblico", ha detto il giudice.

“Eguagliando, senza alcuna sfumatura, la situazione dei cittadini non vaccinati con la sorte degli ebrei negli anni Trenta e Quaranta - ha aggiunto poi il togato - si fa un paragone che di fatto è sbagliato: in altre parole si strumentalizza la sofferenza degli ebrei nell'Olocausto e i loro ricordi",.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Paesi Bassi, tre condannati per l'omicidio del giornalista Peter R. De Vries

Paesi Bassi, Geert Wilders: "Politica sui migranti più rigorosa di sempre" da nuovo governo

Paesi Bassi: Greta Thunberg trattenuta dalla polizia durante una protesta