This content is not available in your region

Delivery a due velocità. Per l'Unione europea i riders sono lavoratori subordinati

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
euronews_icons_loading
Il mondo del delivery
Il mondo del delivery   -   Diritti d'autore  Diritti d'autore Paul White/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Sono una parte essenziale del delivery basato sulle app. Sono i corrieri delle consegne a domicilio, lavoratori spesso assunti per brevi periodi o senza veri e propri contratti e tutele. Da tempo migliaia di riders si battono per condizioni di lavoro migliori e dallo scorso agosto è in vigore una legislazione che obbliga le piattaforme digitali a stipulare contratti adeguati a questi lavoratori.

Ora anche secondo la Commissione europea, sono a tutti gli effetti dipendenti subordinati. Si tratta di 1,5 milioni di persone che oggi lavorano per i colossi quali Glovo, JustEat, Deliveroo e UberEats. In Spagna grazie alla nuova va legge nazionale, i riders come Fernando García, che è anche Portavoce dell’Associazione Riders For Rights, hanno ottenuto un contratto a tempo indeterminato da parte di una società che consegna cibo.

Il problema è che ci sono molti colleghi che non sono ancora stati regolarizzati. A quattro mesi dall’entrata in vigore non tutti colossi si sono adeguati. E le promesse non sono state mantenute per tutti.

La cosiddetta Legge Rider in Spagna ha visto una defezione importante. La società britannica Deliveroo si è ritirata dal paese a novembre a causa dell'aumento dei costi operativi. Altre piattaforme stanno cercando di adattarsi, anche se le nuove assunzioni rappresentano sono solo il 10-20% della forza lavoro precedente. Alcuni riders ora sono ora per conto terzi o da agenzie di lavoro interinale, mentre c’è chi vuole continuare a rimanere freelance.

Secondo Gustavo Gaviria, Rider, portavoce della United Riders Association, questa legge sta solo appoggiando l'instabilità lavorativa, i lavoratori precari e non migliora le condizioni né del personale né dei liberi professionisti.”

Una normativa cavillosa

Per molte piattaforme queste normative non sono un grande problema. Molte stanno investendo milioni per guadagnare quote di mercato e diventare i principali attori del business delle consegne a domicilio. Pedro Moreno de los Ríos, professore di Economia Digitale presso la IE Business School di Madrid sostiene che queste piattaforme non riusciranno a restare in piedi. “Vedremo quali soppravviveranno, dice questo professore, superando questo il periodo di turbolenza.”

In una dichiarazione congiunta, la Coalizione europea delle piattaforme di consegna ha dichiarato che il caso della Spagna ha messo in luce il lato negativo della legislazione per corrieri, ristoranti e cliente. Intanto il settore del delivery è in forte espansione, quattro nuove aziende sono recentemente entrate nel mercato spagnolo e questa volta stanno assumendo il personale.