This content is not available in your region

Presidenziali in Francia: primo comizio dell'estrema destra, prima rissa

Access to the comments Commenti
Di Anelise Borges
euronews_icons_loading
Presidenziali in Francia: primo comizio dell'estrema destra, prima rissa
Diritti d'autore  AP Photo

Ingresso tra due ali di folla e tricolori che sventolano: benvenuto da rockstar per il candidato di estrema destra alle presidenziali francesi, Eric Zemmour, in occasione del suo primo comizio ufficiale al parco delle esposizioni di Villepinte, fuori Parigi, con circa 15mila persone.

"La posta in gioco è enorme - dice ai suoi sostenitori - se vinco queste elezioni, sarà l'inizio della riconquista del Paese più bello del mondo".

Il controverso opinionista è stato definito razzista, sessista e antisemita a causa delle sue dure dichiarazioni sull'immigrazione e sull'identità francese. Ma per chi lo supporta è l'unico candidato in grado di "salvare" la Francia dal "declino e dalla decadenza".

I supporter di Zemmour

"Anche se a volte è eccessivo, penso che ne abbiamo bisogno. Almeno all'inizio, per portare ordine nel nostro Paese", sostiene un giovane elettore.

"Dicono che è misogino? Beh, io lo adoro. Lo adoro. La Francia non va da nessuna parte e lui è l'unico che ha delle idee per risollevare il Paese, e tutto l'occidente. Perché tutto il mondo occidentale sta perdendo la sua identità, la sua cultura", aggiunge una donna presente al comizio.

"Credo che sia importante tornare ai valori tradizionali, ancestrali. Devono essere rivalutati. Abbiamo bisogno di decisioni più drastiche", è l'opinione di uno studente, che accoglie politica e metodi di Zemmour.

La rissa al comizio

Ma il comizio della Riconquista - questo il nome del partito - è rapidamente sfociato in rissa quando un gruppo di attivisti antirazzisti ha tentato di manifestare contro il candidato presidente. I sostenitori di Zemmour hanno tirato pugni e sedie e i militanti del fronte opposto hanno dovuto essere scortati fuori dalla polizia.

"Se loro mi odiano, è perché odiano voi - incalza Zemmour - se mi disprezzano, è perché disprezzano voi. Tutto è permesso contro di me. Il branco è ora alle mie calcagna. I miei avversari mi vogliono morto politicamente, i giornalisti mi vogliono morto socialmente e i jihadisti mi vogliono morto del tutto".

Nel frattempo, a Parigi, oltre 2mila manifestanti, secondo la questura, hanno sfilato per denunciare la discesa in campo del candidato anti-Islam e anti-migranti, due volte condannato per istigazione all'odio razziale.