This content is not available in your region

Germania, ergastolo a un miliziano dell'Isis

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Germania, ergastolo a un miliziano dell'Isis
Diritti d'autore  Frank Rumpenhorst/(c) dpa-Pool

Il tribunale di Francoforte ha condannato all'ergastolo un militante dell'Isis, Taha al-Jumailly, giudicato responsabile della morte per disidratazione di una bambina yazida di 5 anni, comprata come schiava e tenuta incatenata per ore sotto il sole a Falluja, in Iraq nel 2015.

Il presidente del collegio giudicante ha ricordato che si tratta del primo caso al mondo di condanna del cosiddetto Stato islamico per atti contro la minoranza yazida.

Al-Jumailly, cittadino iracheno di 29 anni, è stato riconosciuto colpevole di genocidio e crimini di guerra. Per gli stessi reati nello scorso settembre una donna tedesca, all'epoca dei fatti sua moglie, venne condannata a dieci anni di carcere.

Gli yazidi, un gruppo di lingua curda proveniente dal nord dell'Iraq, sono stati per anni perseguitati dallo Stato islamico che ha ucciso centinaia di uomini, violentato donne e reclutato con la forza bambini come combattenti.