This content is not available in your region

Due mesi di attività per il Cumbre Vieja. Il vulcano continua a fare paura

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
euronews_icons_loading
Due mesi di attività per il Cumbre Vieja. Il vulcano continua a fare paura
Diritti d'autore  Emilio Morenatti/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Sono passati due mesi da quando il Cumbre Vieja si è risvegliato ma il vulcano non perde la sua forza. La lava continua a fuoriuscire mentre sull’isola spagnola di La Palma negli ultimi giorni si sono registrate oltre 300 scosse di terremoto.

Le colate laviche continuano ad avanzare verso il mare riversandosi nell’oceano Atlantico vicino al punto in cui era già entrata a fine settembre, provocando la formazione di un ampio deposito sul fondale oceanico. La furia del Cumbre Vieja ha distrutto quasi mille ettari di terreno e seppellito decine di case. Sono ormai migliaia le persone sfollate gli addetti dell'Unità di emergenza militare monitorano costantemente la qualità dell'aria alla ricerca di gas tossici.

Secondo Miguel Ángel Morcuende, capo della protezione civile locale, il vulcano non smette di sorprende ogni giorno, Nessuno sa quando smetterà di far paura, l’unica cosa da fare è mettere in sicurezza i cittadini.

Diritti d'autore Instituto Vulcanologico de Canarias
Vulcano Cumbre ViejaDiritti d'autore Instituto Vulcanologico de Canarias

L’attività sismica legata all’attività del vulcano era stata meno intensa nei giorni scorsi rispetto alle settimane precedenti, poi ha ripreso. I livelli di diossido di zolfo, uno dei principali gas diffusi dai vulcani nell’atmosfera, erano considerati piuttosto bassi rispetto ai valori registrati in precedenza, anche se restano preoccupanti.

Dall’inizio dell’eruzione avvenuta il 19 settembre più di 7.000 persone sono state fatte evacuare dalle loro abitazioni nelle città di El Paso e Los Llanos de Aridane. E secondo gli ultimi dati degli scienziati il Cumbre Vieja continuerà la sua attività almeno per un altro mese ancora.