EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Paesi baltici chiedono all'UE "una barriera fisica contro i migranti"

Paesi baltici chiedono all'UE "una barriera fisica contro i migranti"
Diritti d'autore Leonid Shcheglov/BelTA
Diritti d'autore Leonid Shcheglov/BelTA
Di euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Vertice a Vilnius tra Lettonia, Lituania e Estonia: "Lukashenko il solo responsabile della crisi"

PUBBLICITÀ

La presidente della Commissione europea Von der Leyen era stata categorica: niente muri ai confini europei. Eppure dal vertice di Vilnius tra Estonia, Lituania e Lettonia arriva la richiesta a Bruxelles di finanziare e costruire una barriera fisica per proteggere l'Unione dai migranti.

I rappresentanti delle tre repubbliche ex sovietiche considerano il presidente Lukashenko il solo responsabile della cirisi al confine polacco, ma al contempo chiedono all'UE di irrigidire le politiche di asilo per rendere più difficile l'ingresso ai migranti.

Per il presidente lituano Gitanas Sauseda "la situazione al confine della Lituania si sta deteriorando e richiede azioni immediate a livello europeo e internazionale. La crescente minaccia al confine con la Bielorussia non è solo un problema della Lituania e della Polonia. Sono in discussione le frontiere esterne dell'Unione europea e della NATO".

Mentre la politica di diversi paesi tenta di volgere a proprio vantaggio la crisi umanitaria, sul terreno le migliaia di profughi bloccati nella terra di nessuno continuano ad attendere una soluzione, che però non arriva. I ministri degli Esteri dell'Unione europea studiano ulteriori sanzioni contro Minsk, ma poco fanno per alleviare le sofferenze dei migranti che sono le uniche vittime di questo braccio di ferro.

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, che ha minacciato ritorsioni per le nuove sanzioni, sostiene di stare programmando i rimpatrio dei migranti bloccati nei loro paesi d'origine, ma molti si rifiuterebbero di partire.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sgomberati 1500 migranti dal nord della Francia

La Finlandia chiude a tempo indeterminato i valichi di frontiera con la Russia

Romania e Bulgaria nell'area Schengen: viaggi in aereo e nave senza il passaporto