This content is not available in your region

Affidi illeciti: gup in camera consiglio per prime sentenze

Access to the comments Commenti
Di ANSA
La procura chiede sei anni per lo psicoterapeuta Claudio Foti
La procura chiede sei anni per lo psicoterapeuta Claudio Foti

(ANSA) – REGGIOEMILIA, 11 NOV – Si è ritirato in camera di
consiglio il gup Dario De Luca del tribunale di Reggio Emilia.
Nel pomeriggio sono attese le prime sentenze del processo
‘Angeli e Demoni’, l’inchiesta sul presunto sistema di affidi
illeciti di minori nella val d’Enza reggiana. In particolare
saranno emesse le decisioni riguardo allo psicoterapeuta Claudio
Foti, titolare del noto studio di cura torinese ‘Hansel&Gretel’
e per Beatrice Benati, assistente sociale dell’Unione val
d’Enza. Entrambi hanno scelto il rito abbreviato. Per il primo, il sostituto procuratore Valentina Salvi,
titolare del fascicolo, ha chiesto sei anni di condanna per le
accuse di abuso d’ufficio, frode processuale e lesioni
gravissime (ipotesi di reato formulata per la presunta
alterazione psichica di una paziente), mentre per la seconda ha
chiesto un anno e sei mesi di condanna con le accuse di violenza
privata e tentata violenza privata. Finora l’unica pena relativa
al procedimento è quella di Cinzia Magnarelli, assistente
sociale sempre dell’Unione Val d’Enza, rea confessa e accusata
di falso ideologico e frode processuale, la quale ha patteggiato
a un anno e otto mesi (pena sospesa). Infine il giudice oggi pomeriggio dovrebbe decidere anche se
accogliere o meno le richieste di rinvio a giudizio per 22
indagati, tra cui anche l’ex responsabile dei servizi sociali
Federica Anghinolfi, ritenuta l’imputata chiave, e il sindaco Pd
del Comune di Bibbiano, Andrea Carletti accusato di abuso
d’ufficio. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.