ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La Russia sta con il Cremlino

Access to the comments Commenti
Di Marta Brambilla
euronews_icons_loading
La Russia sta con il Cremlino
Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Il partito al governo, Russia Unita, ha festeggiato la vittoria alle elezioni parlamentari. Il partito pro-Cremlino che sostiene il presidente Vladimir Putin è destinato a mantenere una maggioranza che, secondo il sindaco di Mosca, Sergey Sobyanin, determinerà il futuro del Paese:

“Oggi si sono concluse le elezioni per il parlamento. Elezioni molto importanti che determineranno il destino della nostra città e del nostro Paese; la sua strategia di sviluppo, la sovranità, l'economia, la protezione sociale dei cittadini”.

Tuttavia, il partito comunista ha fatto progressi significativi, piazzandosi secondo. E i voti per Russia Unita sono scesi rispetto alle ultime consutazioni.

Sergey Markov, analista politico pro-Cremlino, spiega che con questi risultati non ci sarà alcun cambiamento sostanziale:

"La cosa più importante in queste elezioni è che il parlamento rimanga lo stesso. Il partito politico che sostiene Vladimir Putin e che è sostenuto da Vladimir Putin avrà ancora la maggioranza. E quindi approverà tutte le decisioni di Vladimir Putin e tutte le decisioni del suo governo».

Alexandre Kynev, analista politico pro-opposizione, invece, sostiente che il risultato è frutto di anomalie strutturali:

_"Questo risultato è dovuto al contributo di regioni anomale la cui quota di voto è inferiore a un terzo degli elettori registrati del Paese. Ma l'affluenza in queste regioni è sempre molto alta, mentre nelle grandi città e nelle regioni dove la protesta è attiva, è minore. Cinque anni fa hanno sostenuto Russia Unita con oltre la metà di tutti i voti espressi". _

Il risultato non è mai stato veramente in dubbio, ma i video che presumibilmente mostrano una mancanza di sicurezza nei seggi elettorali, si sono aggiunti alle accuse di ballottaggio e voto forzato.

Tuttavia la commissione elettorale ha ammesso alcune irregolarità e afferma che gli incidenti saranno oggetto di indagine ma che sono stati pochi e distanti tra loro e non influenzeranno l'esito delle elezioni.