ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Lo stato di salute del Papa preoccupa

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
euronews_icons_loading
Papa Francesco
Papa Francesco   -   Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

“Dimettermi? Non ci penso nemmeno”. Papa Bergoglio è stato chiaro nel commentare le voci di dimissioni dopo l’operazione chirurgica dei primi di luglio. Eppure lo stato di salute del Pontefice preoccupa. abbiamo sentito il vaticanista de Il Fatto Quotidiano Francesco Antonio Grana.

“Certamente lo vediamo, è sotto gli occhi di tutti, ha delle difficoltà motorie. Questo è evidente, ma lo avevamo visto anche prima dell’intervento al colon. La sua anca destra da anni è in attesa di una protesi che difficilmente arriverà dopo l’intervento che ha subito il 4 luglio al Gemelli. Oggi ha rivelato che gli sono stati asportati 33 cm. d’intestino e per un uomo di 85 anni questo significa sottostare a una dieta abbastanza rigorosa": commenta Grana.

Un altro Papa emerito?

Se le dimissioni almeno per il momento sembrano lontane resta però il dubbio su cosa fare se il Papa decidesse di fare un passo indietro dopo Ratzinger. La figura del “Papa emerito” resta un problema da risolvere per il Vaticano.

Il Papa emerito è un Pontefice che si è dimesso, un caso che finora è avvenuto solo due volte nella storia della Chiesa. “Sicuramente si può normare il Papa emerito, codificarlo, ragionare sulla sua figura ma è difficile farlo con un Papa emerito in vita perché sarebbe una legge contra personam, contro Ratzinger. Da un’altra parte è difficile farlo perché si rimetterebbero in giro le voci di un Bergoglio pronto a dimettersi”: conclude Grana.

A parte il caso di Giovanni Paolo II, le condizioni di salute dei pontefici sono da sempre un segreto ben conservato, ma stavolta le condizioni di Bergoglio preoccupano anche alla luce delle grandi sfide che questo pontificato deve ancora affrontare.