Morto Gino Strada, fondatore di Emergency: aveva 73 anni

settembre 2019: Gino Strada al 76esimo Festival del Cinema di Venezia
settembre 2019: Gino Strada al 76esimo Festival del Cinema di Venezia Diritti d'autore Joel C Ryan/Joel C Ryan/Invision/AP
Diritti d'autore Joel C Ryan/Joel C Ryan/Invision/AP
Di Euronews Agenzie:  ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il chirurgo aveva fondato l'organizzazione umanitaria nel 1994, per prestare assistenza medica nelle zone di conflitto

PUBBLICITÀ

È morto, all'età di 73 anni, il fondatore di Emergency, Gino Strada.

Medico, filantropo e operatore umanitario con un passato nelle lotte "movimentiste" della sinistra sessantottina, con la moglie Teresa Sarti aveva fondato l'organizzazione umanitaria nel 1994, con lo scopo primario di portare assistenza medica alle popolazioni nelle zone di conflitto.

Da tempo soffriva di problemi cardiaci

La notizia ci ha colto tutti di sorpresa, lasciateci riprendere dal dolore": è il primo commento della presidente di Emergency Rossella Miccio. 

Io vi abbraccio ma non posso rispondere ai vostri tanti messaggi (grazie), perché sono qui: dove abbiamo appena fatto un soccorso e salvato vite. È quello che mi hanno insegnato lui e la mia mamma. Abbracci forti a tutte e tutti": così in un tweet Cecilia Strada, la figlia del fondatore di Emergency.

"Tra i suoi ultimi pensieri, c'è stato l'Afghanistan, ieri. È morto felice. Ti vogliamo bene Gino": così Emergency ricorda il suo fondatore Gino Strada. "Non riusciamo a pensare di stare senza di lui, la sua sola presenza bastava a farci sentire tutti più forti e meno soli, anche se era lontano", il messaggio della Ong. "Il nostro amato Gino - si legge nel post - è morto questa mattina. È stato fondatore, chirurgo, direttore esecutivo, l'anima di EMERGENCY". 

"I pazienti vengono sempre prima di tutto", il senso di giustizia, la lucidità, il rigore, la capacità di visione: erano queste le cose che si notavano subito in Gino. E a conoscerlo meglio si vedeva che sapeva sognare, divertirsi, inventare mille cose"

Condividi questo articoloCommenti