Grecia, ancora fiamme. Da Atene una richiesta internazionale d'aiuto

Grecia, ancora fiamme. Da Atene una richiesta internazionale d'aiuto
Diritti d'autore Kostas Tsironis - APE-MPE (Greek public news agency)
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Continuano le evacuazioni dei residenti minacciati dal fuoco che denunciano: "Abbandonati a noi stessi"

PUBBLICITÀ

Non si placa la furia del fuoco nelle isole greche.

Queste immagini si riferiscono a Evia, dove da giorni gli abitanti cercano di contenere il fronte delle fiamme, dando una mano, come possono, ai soccorritori.

Secondo le autorità sebbene si tratti dell'ondata di calore più pesante registrata negli ultimi trent'anni, la maggior parte dei focolai non sarebbero di origine naturale.

Prosegue intanto l'evacuazione e la messa in sicurezza di centinaia di persone, le cui abitazioni sono state lambite dalle fiamme.

Molti di loro raccontano dettagli spaventosi, parlano di scarsi mezzi antincendio a disposizione e denunciano di essersi sentiti abbandonati a loro stessi.

"Non avevamo nessun aiuto. Potevamo usare solo degli spruzzatori d'acqua per i campi, ma non erano adatti per gli incendi. Sono venuti un paio di elicotteri, ma non hanno fatto molto. Eravamo completamente abbandonati. Non c'erano vigili del fuoco, non c'erano mezzi, niente".

Sull'isola di Evia le fiamme avanzano lungo due fronti, che per le loro condizioni orografiche risultano difficili da contrastare dal cielo, che comunque rimane il solo modo possibile di intervento.

Il governo di Atene dopo aver proclamato lo stato di catastrofe naturale, ha lanciato una richiesta internazionale d'aiuto, alla quale hanno finora risposto più di 20 paesi di Europa e Medio Oriente.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ancora incendi in Grecia: arrivano i pompieri romeni

Nell'inferno degli incendi sull'isola di Evia: "Soli e abbandonati dal governo greco"

Grecia: fine del monopolio statale sull'istruzione universitaria, scoppia la protesta