ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Cosa rimane dell'isola di Eubea in Grecia dopo 6 giorni di fuoco

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Cosa rimane dell'isola di Eubea in Grecia dopo 6 giorni di fuoco
Diritti d'autore  AP Photo/Petros Karadjias
Dimensioni di testo Aa Aa

Il cielo di fuoco, il fumo acre che ferisce le narici: l'isola di Eubea, in Grecia, una delle più importanti del mar Egeo, brucia per il sesto giorno consecutivo.
Più di 570 vigili del fuoco e 17 mezzi aerei stanno combattendo l'incendio. Il fuoco ha incenerito vaste aree di pineta e raggiunto le abitazioni.

Sull'isola di Eubea persistono due grandi fronti di fuoco, uno a nord e l'altro a sud. Quello a nord è spinto da raffiche di vento verso gli insediamenti sulla spiaggia.

Anche gli abitanti hanno cercato di frenare l'avanzata delle fiamme ma - per scongiurare vittime - la Guardia Costiera ha evacuato circa 2mila persone dall'isola.

Dieci navi - 2 pattuglie della Guardia Costiera, 2 traghetti, 2 navi passeggeri e 4 pescherecci - hanno sostato a Pefki, località balneare vicino alla punta settentrionale di Eubea, pronte a evacuare altri residenti e turisti.

Già nella sera di venerdì circa 1.400 persone sono state allontanate da un resort e dalle spiagge dell'isola via mare, dopo che il fuoco in avvicinamento aveva chiuso ogni altra via d'uscita.

Negli ultimi 10 giorni, 56.655 ettari sono finiti in cenere in Grecia, secondo il Sistema europeo di informazione sugli incendi forestali.
La media degli ettari bruciati nello stesso periodo tra il 2008 e il 2020 era di 1.700 ettari.

Gran Bretagna, Francia, Spagna e altri Paesi hanno risposto all'appello di aiuto della Grecia, così come la Serbia che ha annunciato l'invio di 13 veicoli con 37 vigili del fuoco e tre elicotteri antincendio.

Le autorità greche, nel frattempo, sono in massima allerta per prevenire altri incendi.

I vigili del fuoco hanno arrestato tre giovani, tra i 16 e i 21 anni, nella città portuale del Pireo, vicino ad Atene, per tentato incendio doloso nella vicina Perama. Nel Peloponneso, un uomo di 71 anni, sospetto piromane, è stato fermato domenica a Pylos. E la polizia di Atene ha dichiarato domenica di aver arrestato uno straniero, che cercava di appiccare il fuoco in un parco della città.