ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Le esercitazioni nato in Georgia non piacciono a Mosca: "ci tuteleremo"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Le esercitazioni nato in Georgia non piacciono a Mosca: "ci tuteleremo"
Diritti d'autore  Shakh Aivazov/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Truppe georgiane e statunitensi sono impegnate in un'esercitazione aerea congiunta nella base militare di Vaziani, vicino a Tbilisi. Per l'iniziativa pesanti attrezzature sono state aviotrasportate sul posto.

Il tutto nel contesto di un aumento delle tensioni tra la confinante Russia e la Nato. Mosca sta tenendo sotto stretta osservazione l'iniziativa, e ha annunciato possibili contromisure.

Ma intanto, dalla base aerea gli ufficiali addestratori statunitensi si dicono soddisfatti dell'intesa con gli alleati.

"Durante l'addestramento - ha detto l'ufficiale Ari Martin, del 1-91esimo reggimento di cavalleria dell'aeronautica militare statunitense - con i nostri partner georgiani stiamo lavorando sull'interoperabilità, dimostrando le nostre capacità di operare insieme. Sono sicuro, proprio come abbiamo fatto oggi, che possiamo dispiegare rapidamente la potenza di combattimento in qualsiasi parte del mondo".

Mentre le esercitazioni vanno avanti, il vice ministro degli estri russo Alexander Grushko ha annunciato che Mosca prenderà tutte le misure necessarie per garantire i suoi interessi.

"Vediamo che il numero di esercitazioni della Nato è effettivamente aumentato negli ultimi anni e molti di loro hanno un pregiudizio anti-russo" ha detto il Grushko. "Considerando la pianificazione militare generale della Nato, che è sempre più focalizzata a scongiurare la cosiddetta minaccia dall'est, tali esercitazioni non possono che causare la nostra legittima preoccupazione"

"Naturalmente - ha concluso - le stiamo seguendo da vicino [le esercitazioni Agile Spirit della NATO in Georgia] e prenderemo tutte le misure necessarie, compresi gli sforzi tecnico-militari, per proteggere in modo affidabile i nostri interessi"