ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Mille reperti archeologici sequestrati in Sardegna,2 denunce

Di ANSA
Operazione del Corpo forestale, incastrati due tombaroli
Operazione del Corpo forestale, incastrati due tombaroli
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – CAGLIARI, 06 LUG – Oltre mille reperti archeologici
di epoche che vanno dal Neolitico all’Alto Medioevo sono stati
sequestrati dagli agenti del Nucleo investigativo del Corpo
forestale e della Stazione forestale di Dolianova nelle
abitazioni di due ‘tombaroli’, un 69enne e un 74enne, sorpresi
in località Isca Bardella, nelle campagne di Dolianova (Sud
Sardegna) mentre sondavano il terreno con un potente metal
detector.
I due, residenti rispettivamente a Soleminis e Dolianova, sono
stati denunciati per scavo archeologico clandestino,
impossessamento e detenzione illegale di reperti archeologici
(di proprietà dello Stato), ricettazione e riciclaggio.
L’operazione, denominata “Thesaurus”, è scattata nei giorni
scorsi. Gli agenti della Forestale si sono appostati in zona e
hanno sorpreso i due pensionati mentre effettuavano piccoli
scavi. Perquisendoli hanno trovato frammenti di bronzetti delle
dimensioni di alcuni centimetri e alcune lamine in piombo. Hanno
esteso l’ispezione alle loro abitazioni trovando dei piccoli
‘musei’ clandestini. Tra i mille reperti, considerati di
straordinario valore storico e scientifico c’erano anche due
navicelle nuragiche in bronzo; una collana in osso con vaghi a
disco e a botticella di epoca neolitica-eneolitica (VI-III
millennio a.C.); un busto di guerriero nuragico in bronzo,
armato di pugnale; una figurina umana in bronzo; 550 monete e
una decina di anelli di epoca storica, tra i quali spicca un
anello in oro a forma di serpente.
Tutto il materiale è stato sequestrato a consegnato alla
Soprintendenza. Secondo gli investigatori i tesori dei tombaroli
sarebbero stati venduti nel mercato clandestino dei reperti
archeologici. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.