ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il ruolo degli insetti nello sviluppo sostenibile

Di Aurora Velez
euronews_icons_loading
Il ruolo degli insetti nello sviluppo sostenibile
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

In Polonia si usano larve e insetti come fonti proteiche negli allevamenti ittici e avicoli. Per allevare le larve si utilizzano rifiuti organici, contribuendo così all'economia circolare. Bioriciclo e tecnologia mano nella mano in questo progetto sostenuto dalla politica di coesione europea.

Nuove fonti proteiche per preservare l'ambiente

Nelle vasche di un allevamento ittico sperimentale a Mucochin, nell'est della Polonia, centinaia di storioni ricevono un'alimentazione speciale a base di proteine derivate da larve e insetti.

Mateusz Rawski fa l'operatore zootecnico per Hipromine, un progetto europeo che sviluppa soluzioni tecnologiche innovative producendo proteine dalle larve. Per loro gli insetti sono la risposta alla crescente domanda di proteine nell'alimentazione animale: "Quando usiamo la farina di pesce, che è la fonte di proteine più diffusa nell'acquacoltura - spiega Rawski -, dobbiamo comunque catturare del pesce. Per ogni chilogrammo di farina di pesce dobbiamo catturarne circa 4 chilogrammi. Quindi, per non danneggiare l'ambiente e le popolazioni selvatiche, abbiamo bisogno di nuove fonti proteiche per i pesci destinati a diventare cibo per gli esseri umani".

Un contributo all'economia circolare

Le larve hanno bisogno di un tempo compreso fra le due e le otto settimane per crescere, nutrendosi di rifiuti biologici e di pochissima acqua. Gli escrementi possono essere riciclati come fertilizzante. La parte più tecnologica di Hipromine è segreta ed è protetta da una ventina di brevetti.

Il budget totale per il progetto della società Hipromine è di 12 milioni e mezzo di euro, il 68 per cento dei quali coperto dalla politica di coesione europea.

Il bioriciclo combinato alla tecnologia contribuisce qui all'economia circolare, dice la coordinatrice del progetto, Anna Andrzejewska: "L'attenzione è rivolta alla necessità di trovare fonti alternative di proteine, all'agricoltura sostenibile, alla riduzione dei rifiuti e al riciclo".

Sostituire completamente il grasso commestibile

In questa regione della Polonia gli storioni non sono gli unici a seguire una dieta a base di insetti. Anche un allevamento sperimentale di pollame è coinvolto nella ricerca sugli effetti delle proteine delle larve sui muscoli e sulla crescita degli animali. Lo scienziato Bartosz Kieronczyk dell'Università di scienze della vita di Poznan spiega: "Possiamo sostituire completamente il grasso commestibile, l'olio di soia, l'olio di palma e il grasso di pollo, nell'alimentazione di questi animali, aggiungendo o sostituendolo completamente con grasso di hermetia illucens, che è la larva più comune prodotta su scala industriale al momento in Europa".

Questo progetto europeo fa parte del nuovo patto ecologico che punta a combattere la crisi economica e i cambiamenti climatici attraverso proposte ecosostenibili.