ULTIM'ORA
This content is not available in your region

New Shepard va all'asta: 28 milioni di dollari per un volo suborbitale con Jeff Bezos

Di Giulia Avataneo
euronews_icons_loading
New Shepard va all'asta: 28 milioni di dollari per un volo suborbitale con Jeff Bezos
Diritti d'autore  AP/Blue Origin
Dimensioni di testo Aa Aa

Si chiama New Shepard, e ha letteralmente il compito di costruire la nuova strada verso lo spazio, il sistema commerciale per il turismo spaziale suborbitale ideato dalla Blue Origin di Jeff Bezos.

Un posto sul primo volo del 20 luglio è andato all'asta sabato per la cifra da capogiro di 28 milioni di dollari che saranno devoluti all'omonima fondazione. Il nome del vincitore dell'asta sarà reso pubblico nelle prossime settimane ma intanto c'è un altro colpo di scena su questo viaggio inaugurale.

La diretta integrale dell'asta

Jeff Bezos in persona parteciperà con il fratello. Resta da riempire un sedile. Intanto però la corsa al turismo nello spazio è aperta. Oltre a Virgin Galactic di Richard Branson è vicino anche Elon Musk con la sua Space X.

Come sarà il volo su New Shepard

L'esperienza sarà certamente indimenticabile nonostante la durata sia di appena 11 minuti. I passeggeri si accomoderanno in una capsula studiata appositamente con gli oblò più grandi mai realizzati per un veicolo che raggiunge la quota suborbitale.

La capsula sarà spinta verticalmente da un lanciatore di 18 metri che partirà dal West Texas. Accenderà i motori per 110 secondi fino a un'altitudine di 40 chilometri. La quantità del moto del veicolo basterà a spingere il razzo fino a un'altitudine di 100 chilometri. A quel punto la capsula si staccherà.

Il veicolo principale tornerà a terra vicino al sito di lancio, riavviando i motori principali qualche decina di secondi prima dell'atterraggio verticale. La capsula rimarrà in orbita per tre minuti, consentendo ai passeggeri di fare un'esperenza di gravità zero.

Il rientro sulla Terra

Una volta tornati ai loro posti la capsula effettuerà un atterraggio con tre paracadute, riaccendendo il motore solo in caso di necessità.

Il modulo dell'equipaggio può anche separarsi in caso di malfunzionamento del veicolo o altra emergenza utilizzando booster di separazione a propellente solido, atterrando con il paracadute. L'intero sistema è stato progettato per essere riutilizzabile.