ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Dagli hacker alla Bielorussia, i temi sul tavolo nell'atteso incontro fra Biden e Putin mercoledì

Di Giulia Avataneo
Dagli hacker alla Bielorussia, i temi sul tavolo nell'atteso incontro fra Biden e Putin mercoledì
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

È un faccia a faccia ancor più atteso del primo summit dei G7 in presenza dopo la pandemia. Mercoledì il presidente americano Joe Biden raggiungerà Vladimir Putin a Ginevra.

C'è molta attesa in un momento particolarmente critico delle relazioni fra i due Paesi. Con i due protagonisti che non si sono risparmiati critiche e accuse, dimostrando anche di conoscersi molto bene, come si è visto anche nell'intervista che la NBC americana ha fatto al presidente russo.

"Abbiamo una relazione bilaterale che si è deteriorata fino al suo punto più basso negli ultimi anni", ha detto Putin al giornalista Keir Simmons.

Duellanti

"Il presidente Biden, naturalmente, è radicalmente diverso da Trump in quanto politico di professione. Ha trascorso praticamente tutta la vita in politica - ha dichiarato Putin - Basti pensare agli anni che ha trascorso in Senato. È una persona molto diversa. E la mia speranza è che, sì, ci sono vantaggi e svantaggi, ma non è un presidente da azioni impulsive".

Biden non ha esitato a defininire il presidente russo "assassino" dei suoi oppositori politici dopo l'avvelenamento e l'arresto di Alexei Navalny.

Nei suoi anni da vicepresidente lo aveva accusato personalmente di "non avere un'anima". "Sono abituato a ogni genere di accusa", ha tagliato corto Putin, liquidando come un'"etichetta hollywoodiana" il termine di "killer" che gli è stato attribuito.

I temi sul tavolo

La Casa Bianca ha annunciato che non si terrà una conferenza stampa congiunta dopo l'incontro. Non si potranno fare troppi paragoni con il vertice di Helsinki del 2018, quando Donald Trump si schierò con Mosca sulle interferenze in campagna elettorale, contraddicendo anche l'intelligence americana.

Entrambe le superpotenze hanno dichiarato di essere in cerca di "stabilità" nei rapporti reciproci. Il Cremlino indica fra i punti che saranno discussi la pandemia e i conflitti internazionali.

La Casa Bianca in una nota ha scritto che verranno affrontate "tutte le questioni". Il portavoce Jen Psaki ha citato l'Ucraina e la Bielorussia.

"Il presidente esprimerà il suo supporto al diritto di sovranità dell'Ucraina e la sua preoccupazione sulla Bielorussia", ha specificato.

Schermaglie e sanzioni

La proposta di un incontro è arrivatada Biden nel corso di una telefonata con Putin il mese scorso.

Le relazioni fra i due Paesi si sono ulteriormente deteriorate. L'arresto dell'oppositore Alexei Navalny ha spinto gli Usa a introdurre una serie di sanzioni nei confronti di Mosca. C'è poi la questione dell'attacco informatico di dicembre alle agenzie federali statunitensi, avvenuto infiltrando i software della società americana Solarwinds. Il principale indiziato da parte dell'intelligence americana è proprio la Russia. Infine, l'accusa a Mosca di aver messo una taglia sulla testa dei militari americani in Afghanistan.

Un campo minato intorno al quale i due leader cercheranno di trovare un equilibrio, complicato anche dalla scadenza elettorale in programma per settembre in Russia.